Nascituri pretermine a rischio a…

I bambini che sono nati p…

Telethon individua terapia farma…

Il gruppo di ricerca…

Toxoplasma: le strategie biochim…

[caption id="attachment_1…

Colesterolo e infertilità: una m…

Una mutazione del gene ch…

La FDA approva il primo farmaco …

La Food and Drug Administ…

Ipertrigliceridemia: alla base u…

[caption id="attachment_8…

Mens sana in corpore senza fumo:…

Roma, 13 marzo 2014 – Sem…

Gestione del dolore, istruzioni …

 La guerra contro la soff…

Disturbi alimentari: le dimensio…

La dimensione di alc…

Ferite difficili: sostituti cuta…

Incoraggianti prospettive…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaci contro l’AIDS e l’invecchiamento precoce

Una classe di farmaci generici contro l’AIDS spesso utilizzati per curare l’infezione causata dall’HIV in Africa e in altre regioni povere potrebbe causare un invecchiamento precoce e portare a malattie legate all’eta’, tra cui cardiopatie e demenza.


Lo hanno affermato alcuni ricercatori britannici in uno studio pubblicato sulla rivista “Nature Genetics”, da cui e’ emerso che i farmaci, noti come inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTI) danneggiano il DNA nei mitocondri, le “batterie” che alimentano le cellule, del paziente.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!