Malattie uomo-donna: differenze …

ROMA - L'ansia e la depre…

E’ nata WAIDID, l'Associazione M…

il debutto al Summit di…

Misurazioni cerebrali: ricercato…

I ricercatori in Finlandi…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abiraterone acetato: aumenta sig…

[caption id="attachme…

Ottenuta albumina umana da chicc…

Un team di ricercatori ci…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Nelle insuline ‘con il cervello’…

Le ultime ricerche vann…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Presbiopia: si può curare col la…

Mantenere giovane la vist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaci contro l’AIDS e l’invecchiamento precoce

Una classe di farmaci generici contro l’AIDS spesso utilizzati per curare l’infezione causata dall’HIV in Africa e in altre regioni povere potrebbe causare un invecchiamento precoce e portare a malattie legate all’eta’, tra cui cardiopatie e demenza.


Lo hanno affermato alcuni ricercatori britannici in uno studio pubblicato sulla rivista “Nature Genetics”, da cui e’ emerso che i farmaci, noti come inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTI) danneggiano il DNA nei mitocondri, le “batterie” che alimentano le cellule, del paziente.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!