Dabigatran etexilato: rimborsabi…

• L’ Anticoagulante Ora…

Sedano e prezzemolo possono arre…

Una sostanza contenuta ne…

Resveratrolo e vino rosso: buono…

Il resveratrolo, la sosta…

Arriva il vaccino anti-fumo

Liberarsi del vizio del f…

Farmaci: una tecnica che trasfor…

Grazie a una nuova tecnic…

Nelle staminali del tessuto adip…

Una riserva di giovinezza…

Rigenerazione dei tessuti da cel…

Nuove ricerche della In…

Vitamina D3, cistatina e tumori …

[caption id="attachment_1…

L'occhio della donna ha le pupil…

Un nuovo studio dell'Univ…

Il paziente chiede informazioni …

Roma, 14 novembre 2014. “…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Optogenetica: fasci di luce riescono a ‘telecomandare’ il cervello

Controllare i comportamenti dei topi dall’esterno ”sparando” una luce: e’ il risultato di un esperimento condotto da esperti Usa.

I ricercatori hanno mostrato di poter controllare il comportamento di questi animali a colpi di luce, cioe’ ”bersagliando” con la luce una parte del loro cervello in precedenza modificata e resa fotosensibile. Lo studio e’ stato condotto da Garret Stuber della University of North Carolina a Chapel Hill e pubblicato sulla rivista Nature. Gli scienziati hanno usato una tecnica di recente invenzione, l’optogenetica, per controllare i comportamenti degli animali usando la luce. L’optogenetica consiste nell’inserire nel Dna dei neuroni di aree neurali di interesse il gene per l’ ‘opsina’, una molecola prodotta dalle alghe che reagisce alla luce. Una volta che i neuroni cominciano a produrre opsina diventano fotosensibili, cioe’ la loro attivita’ e’ regolabile ‘sparandogli’ sopra della luce.

Gli esperti hanno reso fotosensibili i centri neurali di gratificazione e piacere e poi hanno mostrato di poter comandare con la luce i comportamenti degli animali volti ad ottenere piacere. In un caso i ricercatori stimolando il cervello dei roditori con la luce attivavano i centri del piacere e cosi’ facendo inducevano i topi a ripetere piu’ e piu’ volte un comportamento di per se’ per nulla piacevole, infilare il nasino in un buco. Nel secondo esperimento, invece, la luce disattivava i centri del piacere e in quel caso i topi divenivano incapaci di compiere azioni volte ad ottenere piacere, come premere una leva per avere uno zuccherino. Comandare le azioni dall’esterno con la luce e’ un’invenzione che a lungo termine potrebbe fruttare numerose applicazioni anche in campo medico. (ANSA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!