Tumori: individuati geni in grad…

Il sangue e' composto da …

Depressione: test del sangue per…

L'esame si basa sulla mis…

L'uomo di Neanderthal: vita inte…

[caption id="attachment_1…

Chirurgia: non sempre per un men…

Uno studio dell'Universit…

HIV: con antiretrovirali, ottenu…

I trattamenti antiretrovi…

Sigaretta elettronica: Varonesi …

Nature, la rivista portav…

Sequenziato genoma peronospora: …

[caption id="attachme…

Obesità: scoperto interruttore m…

Le normali cellule di gra…

Un anticorpo "jolly" in grado di…

Esplora il significat…

Colesterolo del 'terzo tipo' min…

[caption id="attachment_2…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi: un retrovirus fa ammalare i macachi: speranze per una cura.

Un virus della famiglia dell’herpes fa ammalare i macachi giapponesi di una malattia simile alla sclerosi multipla umana, patologia che in Italia colpisce 63mila persone e di cui non si conosce la causa, ne’ esiste cura.

La sclerosi multipla, finora, non era mai stata osservata negli animali. I ricercatori di tutto il mondo a caccia delle cause della malattia, per le sperimentazioni, facevano ricorso ad una patologia ‘indotta’ nelle cavie da laboratorio. Ma ora, con la scoperta che questa condizione esiste in natura per i macachi giapponesi, si e’ in presenza di una svolta nella ricerca, per due ragioni. Innanzi tutto il modello animale descritto puo’ fornire molte piu’ informazioni sulla malattia rispetto a quella indotta.


Inoltre, il virus che la scatena nei primati e’ della stessa famiglia di quello su cui, da anni, e’ impegnata la ricerca, l’ Epstein-Barr, responsabile della mononucleosi, la ‘malattia del bacio’, indicato come ”uno dei tre piu’ probabili fattori ambientali scatenanti per la sclerosi multipla, insieme alla carenza di vitamina D e al fumo nei soggetti con una particolare predisposizione genetica”, come afferma Marco Salvetti, responsabile del Centro Neurologico per le Terapie Sperimentali dell’universita’ Sapienza di Roma e componente del comitato scientifico dell’Aism. Ad oggi, dunque, si sa che ci sono due virus della stessa famiglia che scatenano malattie molto simili, nei macachi e nell’uomo, mammiferi, peraltro, vicini dal punto di vista evolutivo. Scott Wang, prima firma dello studio, pubblicato sugli Annals of Neurology e ricercatore dell’Oregon Health&Science University (Ohsu) parla della possibilita’ di sviluppare ”trattamenti piu’ efficaci” o ”trovare il modo di prevenire l’insorgenza della malattia”, probabilmente attraverso un vaccino che agisce contro il virus. Gli scienziati americani sono arrivati a questa scoperta dopo aver osservato che ogni anno si ammalava naturalmente l’1-3 per cento degli oltre 300 macachi ospitati nel centro di ricerca sulla sclerosi e che dal 1986 al 2010 sono decedute 56 scimmie con sintomi simili a quelli della malattia umana: paralisi degli arti inferiori e comparsa dei sintomi in giovane eta’. Dalle autopsie e dalle risonanze magnetiche sono emerse le somiglianze con la sclerosi multipla umana e l’individuazione del virus dell’herpes come origine. Alla patologia animale e’ stato dato il nome di encefalomielite del macaco giapponese.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi