Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi: un retrovirus fa ammalare i macachi: speranze per una cura.

Un virus della famiglia dell’herpes fa ammalare i macachi giapponesi di una malattia simile alla sclerosi multipla umana, patologia che in Italia colpisce 63mila persone e di cui non si conosce la causa, ne’ esiste cura.

La sclerosi multipla, finora, non era mai stata osservata negli animali. I ricercatori di tutto il mondo a caccia delle cause della malattia, per le sperimentazioni, facevano ricorso ad una patologia ‘indotta’ nelle cavie da laboratorio. Ma ora, con la scoperta che questa condizione esiste in natura per i macachi giapponesi, si e’ in presenza di una svolta nella ricerca, per due ragioni. Innanzi tutto il modello animale descritto puo’ fornire molte piu’ informazioni sulla malattia rispetto a quella indotta.

Inoltre, il virus che la scatena nei primati e’ della stessa famiglia di quello su cui, da anni, e’ impegnata la ricerca, l’ Epstein-Barr, responsabile della mononucleosi, la ‘malattia del bacio’, indicato come ”uno dei tre piu’ probabili fattori ambientali scatenanti per la sclerosi multipla, insieme alla carenza di vitamina D e al fumo nei soggetti con una particolare predisposizione genetica”, come afferma Marco Salvetti, responsabile del Centro Neurologico per le Terapie Sperimentali dell’universita’ Sapienza di Roma e componente del comitato scientifico dell’Aism. Ad oggi, dunque, si sa che ci sono due virus della stessa famiglia che scatenano malattie molto simili, nei macachi e nell’uomo, mammiferi, peraltro, vicini dal punto di vista evolutivo. Scott Wang, prima firma dello studio, pubblicato sugli Annals of Neurology e ricercatore dell’Oregon Health&Science University (Ohsu) parla della possibilita’ di sviluppare ”trattamenti piu’ efficaci” o ”trovare il modo di prevenire l’insorgenza della malattia”, probabilmente attraverso un vaccino che agisce contro il virus. Gli scienziati americani sono arrivati a questa scoperta dopo aver osservato che ogni anno si ammalava naturalmente l’1-3 per cento degli oltre 300 macachi ospitati nel centro di ricerca sulla sclerosi e che dal 1986 al 2010 sono decedute 56 scimmie con sintomi simili a quelli della malattia umana: paralisi degli arti inferiori e comparsa dei sintomi in giovane eta’. Dalle autopsie e dalle risonanze magnetiche sono emerse le somiglianze con la sclerosi multipla umana e l’individuazione del virus dell’herpes come origine. Alla patologia animale e’ stato dato il nome di encefalomielite del macaco giapponese.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!