Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

HIV: protocollo terapeutico in g…

La combinazione di farm…

Gruppo Ictus Emiplegia Onlus, la…

Tra i servizi, una linea …

Obesita’, una patologia ad alto …

Associazione di Iniziativ…

Melanoma: colpire l'angiogenesi …

Novita' importanti per co…

Alzheimer: ansiolitici e sonnife…

L’uso di ansiolitici e so…

La settimana Mondiale del Cervel…

“Neurologia e donna” uno …

Stress e rischio infarto: i cape…

[caption id="attachment_9…

Dieta mediterranea: scudo anti-d…

La dieta mediterranea rid…

Magnetoterapia pulsata per ridur…

MILANO - I calciatori son…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Utilizzo cellulari in eta’ adolescenziale quintuplica incidenza casi astrocitoma

Iniziare a utilizzare il cellulare gia’ in adolescenza quintuplica il rischio di astrocitoma, la forma piu’ comune di glioma, un tumore al cervello.

E lo stesso vale per i telefoni cordless e per chi, indipendentemente dall’eta’ in cui si e’ iniziato ad utilizzare questi apparecchi telefonici, ne fa uso per piu’ di dieci anni. Lo dimostra uno studio pubblicato sull’International Journal of Oncology, condotto da un gruppo di ricercatori dell’University Hospital di Orebro e dell’Universita’ di Umea (Svezia).

In particolare il rischio di astrocitoma e’ 4,9 e 3,9 maggiore in chi usa, rispettivamente, cellulari o cordless da prima dei vent’anni, mentre utilizzare apparecchi di questo tipo per piu’ di dieci anni aumenta del 30% il rischio di tumore maligno e del 40% la probabilita’ di sviluppare un astrocitoma.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!