Alcol: sistema immunitario indeb…

[caption id="attachme…

Il veleno delle api veicolato di…

[caption id="attachme…

Ictus: anche quelli di lieve ent…

Anche se apparentemente p…

Nuove varianti genetiche causano…

Ricercatori provenienti d…

Baylor College of Medicine ha ac…

SILICON BIOSYSTEMS ANNU…

[3.SIN] Novità sulle terapie nel…

Prof. Giancarlo Comi – Pa…

Disturbi renali: è anche la velo…

La bassa velocita' d…

Ipertensione resistente: la diag…

Un'accurata valutazione d…

Ossigeno iniettabile liquido: ri…

Esperimenti sui conigli h…

Le proteine legate a malattie ce…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore alla prostata: approvati tre nuovi farmaci dall’FDA: costi elevatissimi

Negli ultimi 15 mesi sono stati approvati dalla Food and Drug Administration tre nuovi farmaci per il trattamento del tumore alla prostata, in stadio avanzato, che allungano la sopravvivenza dei pazienti di alcuni mesi ma questi prodotti hanno costi molto elevati, al punto da indurre le assicurazioni sanitarie a revisioni e riflessioni.

E’ quanto riporta il New York Times, secondo cui le nuove terapie potrebbero costare alla nazione ”miliardi di dollari in spese mediche”. I farmaci approvati, oltre ai buoni risultati sulla sopravvivenza dei malati, promettono proventi esorbitanti alle case farmaceutiche che li producono, come nel caso del Provenge della Dendreon e dello Zytiga della Johnson & Johnson. Introiti che potrebbero arrivare, secondo gli analisti, a superare il miliardo di dollari di fatturato.

Ma i costi di questi preparati stanno preoccupando gli assicuratori e, di conseguenza, i pazienti. Il Provenge costa 93 mila dollari per una tranche di trattamento, mentre Zytiga arriva a circa 5 mila dollari al mese. Un altro dei nuovi farmaci, il Jevtana della Sanofi, costa circa 8 mila dollari per un periodo di somministrazione di tre settimane. ”Si potrebbe arrivare ad una spesa di 500 mila dollari e oltre per paziente – ha affermato Joel Sendek, analista finanziario di Lazard – una cifra che il sistema non puo’ permettersi, soprattutto perche’ l’80% dei i pazienti sono in Medicare”, cioe’ il sistema di assistenza sanitaria pubblica americana destinato agli anziani. (ANSA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!