150 convegni in tutta Italia per…

Assogenerici, al via la…

Approvato olodaterolo in monosom…

·  Studi di Fase III hann…

Pediatria: ad un sonno prolungat…

Quando i bebe' fanno tant…

Arto rotto: il cervello inizia s…

Braccio destro ingessato …

Chirurgia bariatrica: non compor…

''Le operazioni di chirur…

Prostatite: tre domande per scop…

Dal congresso europeo deg…

Parkinson: scoperta nuova mutazi…

Un passo in avanti verso …

Dall'acne all'endocardite

Il batterio che causa l'a…

HPV - test genetico anche a casa…

Se le donne non vanno al …

Cellule staminali per riparare d…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore alla prostata: approvati tre nuovi farmaci dall’FDA: costi elevatissimi

Negli ultimi 15 mesi sono stati approvati dalla Food and Drug Administration tre nuovi farmaci per il trattamento del tumore alla prostata, in stadio avanzato, che allungano la sopravvivenza dei pazienti di alcuni mesi ma questi prodotti hanno costi molto elevati, al punto da indurre le assicurazioni sanitarie a revisioni e riflessioni.

E’ quanto riporta il New York Times, secondo cui le nuove terapie potrebbero costare alla nazione ”miliardi di dollari in spese mediche”. I farmaci approvati, oltre ai buoni risultati sulla sopravvivenza dei malati, promettono proventi esorbitanti alle case farmaceutiche che li producono, come nel caso del Provenge della Dendreon e dello Zytiga della Johnson & Johnson. Introiti che potrebbero arrivare, secondo gli analisti, a superare il miliardo di dollari di fatturato.


Ma i costi di questi preparati stanno preoccupando gli assicuratori e, di conseguenza, i pazienti. Il Provenge costa 93 mila dollari per una tranche di trattamento, mentre Zytiga arriva a circa 5 mila dollari al mese. Un altro dei nuovi farmaci, il Jevtana della Sanofi, costa circa 8 mila dollari per un periodo di somministrazione di tre settimane. ”Si potrebbe arrivare ad una spesa di 500 mila dollari e oltre per paziente – ha affermato Joel Sendek, analista finanziario di Lazard – una cifra che il sistema non puo’ permettersi, soprattutto perche’ l’80% dei i pazienti sono in Medicare”, cioe’ il sistema di assistenza sanitaria pubblica americana destinato agli anziani. (ANSA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi