Asma: quanto incide il rapido sv…

I neonati che crescono pi…

Nuova tecnica per cellule stamin…

Sviluppata una nuove tecn…

Fibrosi cistica: ricercatori pre…

[caption id="attachment_1…

Europa No-Smoking: il 60 percent…

Europa 'no smoking'. Il …

Le modifiche al Dl Rilancio econ…

AssoGenerici plaude all’a…

Vescica iperattiva: riguarda 5 m…

In Italia sono oltre cin…

Papilloma virus a rischio cancro…

La campagna avviata nel 2…

Il lato indispensabile del Cromo…

Uno studio su topi ha mos…

Artrite reumatoide: il farmaco o…

[caption id="attachment_1…

Lo spermatozoo che incontra l'ov…

Scienziati Usa fotografan…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Virus HIV: il ruolo ‘dannoso’ del virus sul sistema nervoso centrale

L’aids provoca disturbi di tipo cognitivo in almeno il 40% dei soggetti in cura con la terapia antiretrovirale (art), e nel 2-3% dei casi porta anche a forme di demenza.

A spiegarlo e’ Andrea Antinori, dell’Istituto Spallanzani di Roma, a un convegno sulla terapia antiretroviale all’Istituto superiore di sanita’. ”Si sa da tempo che il virus dell’hiv – precisa – ha nel sistema nervoso centrale uno dei suoi bersagli, che utilizza come serbatoio per stabilizzarsi e replicarsi. La novita’ e’ che mentre la terapia e’ riuscita a migliorare notevolmente la vita dei malati di aids, riducendo tutte le principali manifestazioni cliniche della malattia, nel 40% dei soggetti in cura permangono disturbi del settore cognitivo, di lieve o moderata entita’, che comunque influenzano e compromettono la vita quotidiana e lavorativa.


Si tratta di disturbi dell’attenzione, della memoria, di funzioni esecutive e di coordinamento del movimento. Solo nel 2-3% dei casi portano a manifestazioni gravi, come la demenza”. Un problema questo che e’ diventato piu’ evidente ”con l’allungamento della sopravvivenza di questi pazienti, proprio grazie alla art – continua Antinori – Il virus, oltre a provocare l’immunodeficienza, porta anche ad una immunoattivazione, cioe’ ad uno stato di infiammazione cronica. Non e’ detto che l’abbattimento della carica virale nel plasma sia sufficiente ad abbattere l’immunoattivazione a livello neurologico. Diciamo che i soggetti con hiv sono destinati a un invecchiamento precoce”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi