Trapianto cardiaco: nuovo test d…

Prevedere con netto antic…

[2.SIN] Malattia di Alzheimer

Prof. Carlo Ferrarese, Di…

Uso di antibiotici e l'MRSA: ric…

Ricercatori che stavano s…

Polline: 1,2 milioni di bambini …

In Italia, tra marzo e a…

Approvato negli USA un nuovo far…

La Food and Drug Administ…

Lo sport amplifica le capacità c…

Nuove prove scientifich…

Secondo gli psicologi depression…

"Nel nostro Paese si sta …

Beta-bloccanti riducono danni da…

Le persone stressate cado…

Tumore al polmone: eccezionale i…

Per la prima volta in Ita…

I risultati dei più innovativi s…

45° CONGRESSO DELLA SOCIE…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Virus HIV: il ruolo ‘dannoso’ del virus sul sistema nervoso centrale

L’aids provoca disturbi di tipo cognitivo in almeno il 40% dei soggetti in cura con la terapia antiretrovirale (art), e nel 2-3% dei casi porta anche a forme di demenza.

A spiegarlo e’ Andrea Antinori, dell’Istituto Spallanzani di Roma, a un convegno sulla terapia antiretroviale all’Istituto superiore di sanita’. ”Si sa da tempo che il virus dell’hiv – precisa – ha nel sistema nervoso centrale uno dei suoi bersagli, che utilizza come serbatoio per stabilizzarsi e replicarsi. La novita’ e’ che mentre la terapia e’ riuscita a migliorare notevolmente la vita dei malati di aids, riducendo tutte le principali manifestazioni cliniche della malattia, nel 40% dei soggetti in cura permangono disturbi del settore cognitivo, di lieve o moderata entita’, che comunque influenzano e compromettono la vita quotidiana e lavorativa.


Si tratta di disturbi dell’attenzione, della memoria, di funzioni esecutive e di coordinamento del movimento. Solo nel 2-3% dei casi portano a manifestazioni gravi, come la demenza”. Un problema questo che e’ diventato piu’ evidente ”con l’allungamento della sopravvivenza di questi pazienti, proprio grazie alla art – continua Antinori – Il virus, oltre a provocare l’immunodeficienza, porta anche ad una immunoattivazione, cioe’ ad uno stato di infiammazione cronica. Non e’ detto che l’abbattimento della carica virale nel plasma sia sufficiente ad abbattere l’immunoattivazione a livello neurologico. Diciamo che i soggetti con hiv sono destinati a un invecchiamento precoce”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi