Distrofia di Duchenne: arrivano …

[caption id="attachment_1…

Crisi: siglato accordo tra banco…

Milano, 28 novembre 2014 …

Parkinson: impiantato prima sist…

E' stato effettuato in …

Artrite reumatoide, e le capacit…

Mangiare una porzione…

Protesi retinica fotovoltaica ri…

Grazie all'impianto di …

Tumore alla prostata: la chemiot…

Il tumore della prostata …

Nuova classe di farmaci per la c…

I ricercatori dell'Univer…

I batteri aiutano e proteggono i…

Un team di ricercatori da…

Uno studio offre ragionevoli per…

Secondo una ricerca appen…

Retina sana: l'esercizio fisico …

L'esercizio fisico potreb…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Una molecola BIM affama il tumore, impedendo ai vasi sanguigni di raggiungerlo

Se attivata e’ in grado di inibire la formazione dei vasi sanguigni intorno al tumore, bloccando l’irrorazione sanguigna alle cellule neoplastiche e ”affamando” cosi’ il tumore: scoperta dagli studiosi del Walter ed Eliza Hall Institute (Australia), la molecola di cui si legge nello studio pubblicato sul Journal of Experimental Medicine si chiama ”Bim”.

Il meccanismo di sopravvivenza tumorale, spiegano i ricercatori, si basa sul nutrimento e sull’ossigeno che alle cellule neoplastiche arriva tramite l’irrorazione sanguigna.


I ricercatori hanno scoperto che quando le cellule tumorali attivano VEGF – un fattore di crescita endoteliale vascolare che stimola la crescita dei vasi sanguigni – l’attivita’ anti-angiogenica di Bim viene soppressa nelle cellule che rivestono i vasi sanguigni del tumore: riattivandola, concludono gli studiosi, potrebbe essere possibile inibire lo sviluppo di nuovi vasi sanguigni, e bloccare cosi’ l’approvvigionamento di sangue al tumore.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi