Radiografie ai denti: troppe, au…

Le persone che hanno effe…

Artrite Giovanile: novità

Convinzione comune e' che…

Allergie: una proteina responsab…

Maggiore è la presenza de…

Un batterio, associato a carie e…

Un batterio solitamente …

Il ruolo delle 'ossa' nel diabet…

[caption id="attachment_8…

Alzheimer: nuove speranze di tra…

Scienziati testano un nuo…

Addio embrioni: la chimica dalla…

[caption id="attachment_6…

A rischio tumori cavo orale con …

[caption id="attachment_1…

Demenza: cadiopatie e diabete au…

Per un buon funzionam…

Malattie neuromuscolari: una sfi…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Enfisema: la predisposizione e la correlazione coi telomeri

Sebbene i topi non avessero patologie polmonari di base, dopo l’esposizione al fumo hanno sorprendentemente sviluppato un enfisema


I telomeri, gli “orologi” cellulari” nostro organismo, possono essere un fattore cruciale per lo sviluppo dell’enfisema, secondo un nuovo studio dei ricercatori della Johns Hopkins University.

“Il primo risultato che abbiamo trovato è che nei topi con telomeri più corti si riscontra un significativo incremento del rischio di sviluppare un enfisema dopo l’esposizione al fumo di sigaretta”, ha spiegato Mary Armanios, professore di oncologia della Johns Hopkins School of Medicine e primo firmatario dell’articolo di resocontoapparso sulla versione online dell’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine.

I telomeri sono sequenze ripetute di DNA poste sulla parte terminale dei cromosomi, con la funzione di proteggerli dalla degradazione. La loro lunghezza è geneticamente determinata, ma vengono progressivamente accorciati durante le successive replicazioni cellulari. Per questo telomeri corti sono considerati un marker biologico di età avanzata delle cellule.

“Con l’età i telomeri corti si accumulano e interrompono la divisione cellulare, per questo possono essere considerati come ‘orologi biologici’”, ha aggiunto Armanios. “Il nostro obiettivo era quello di determinare se la lunghezza stessa del telomero fosse la ragione alla base dell’aumento della suscettibilità all’enfisema con il progredire dell’età”.

Armanios e colleghi hanno esaminato il ruolo dei telomeri nella patologia del polmone con lo studio di topi che presentano telomeri accorciati. Gli stessi animali sono poi stati esposti al fumo di sigaretta per sei ore al giorno, cinque giorni alla settimana e per sei mesi. I ricercatori hanno poi esaminato il tessuto polmonare e la funzionalità polmonare nei topi.

“Sebbene i topi non avessero patologie polmonari di base, dopo l’esposizione al fumo hanno sorprendentemente sviluppato un enfisema. Per contro, topi con telomeri lunghi non hanno sviluppato patologie polmonari nel corso degli esperimenti”.

Nell’enfisema, gli alveoli polmonari colpiti perdono in modo permanente la loro funzionalità. La patologia insorge generalmente nei soggetti più anziani e in rari casi può colpire soggetti che non hanno mai fumato.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi