Malattie cardiache in età pediat…

I neonati messi al mondo …

Grasso addominale in eccesso: au…

Le persone con una quan…

Depressione post-parto e gravida…

La depressione dopo i…

Batteri che "traducono" diversam…

In un numero insospettata…

Psoriasi: sono ancora tanti (7 s…

Sette italiani su dieci c…

Confermata efficienza classe far…

[caption id="attachme…

Nuove varianti genetiche causano…

Ricercatori provenienti d…

Infarto: cellule staminali per r…

Una molecola per riparare…

Grünenthal protagonista al 14° C…

Milano, 4 Settembre – Mil…

Il meccanismo di sviluppo radica…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Insufficienza cardiaca congestizia: presto sperimentazione terapia genetica sull’uomo

Verra’ presto sperimentata sull’uomo la terapia genetica a base della proteina S100A1 per la cura dell’insufficienza cardiaca congestizia: e’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Science Translational Medicine dai ricercatori del Thomas Jefferson University’s Center for Translational Medicine (Usa) guidati da Patrick Most.

La terapia, spiegano i ricercatori, e’ stata finora sperimentata con successo in laboratorio e su modelli di animali, e funziona riportando alla normalita’ la presenza della proteina S100A1, i cui livelli tendono a diminuire nelle cellule del muscolo cardiaco malato. Messa a punto 15 anni fa dal team di Walter Koch della Thomas Jefferson University, la terapia sembrerebbe essere in grado di contrastare lo sviluppo dell’insufficienza cardiaca soprattutto in coloro che hanno gia’ subito un attacco di cuore.


Secondo Most ”il profilo terapeutico di S100A1 e’ un unico in quanto inverte le cause alla base dello scompenso cardiaco: il progressivo deterioramento della performance contrattile, l’instabilita’ elettrica e la deprivazione di energia”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x