Fumo e cancro della prostata: co…

I fumatori hanno maggiori…

Ormoni tiroidei: l’equivalenza d…

Roma, 6 dicembre 2013 - “…

Tumori del sangue: maggiore inci…

Le allergie che si riferi…

"Macchina della pelle": dalla Ge…

Una macchina fabbrica-pel…

Contro i virus non sempre è nece…

Una sperimentazione sui t…

Dalla ricerca biotech italiana u…

[caption id="attachme…

Un batterio da Nobel: l'Helicoba…

[caption id="attachment_4…

Sigarette elettroniche: sicurame…

Le sigarette elettroniche…

Il meccanismo molecolare che ann…

[caption id="attachment_5…

Smog: test svela in tempo reale …

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie rare mitocondriali: arrivano cure sperimentali da studiosi italiani

Sviluppata dal Centro per lo Studio delle Malattie Mitocondriali Pediatriche ”Pierfranco e Luisa Mariani” della Fondazione Istituto Neurologico Besta di Milano una nuova terapia farmacologica in grado di funzionare sulle ”miopatie mitocondriali” – malattie rare che coinvolgono i mitocondri, le ”centrali energetiche” delle cellule – e che potra’ rivelarsi potenzialmente utile anche contro malattie piu’ diffuse e conosciute come il diabete e il Parkinson, in cui sono spesso presenti alterazioni a carico dei mitocondri.



Lo studio, pubblicato su Cell Metabolism, e’ stato per adesso condotto solo sui topi. In termini tecnici i ricercatori hanno dimostrato ”l’efficacia dell’attivazione della biogenesi mitocondriale per la correzione biochimica e clinica di deficit della citocromo c ossidasi in modelli murini”: ”La ricerca – spiega Carlo Viscomi, primo firmatario dello studio – ha dimostrato che e’ possibile ridurre il deficit energetico dovuto ad alterazioni genetiche dei mitocondri attraverso l’utilizzo di un farmaco in grado di attivare la proliferazione dei mitocondri stessi e di migliorarne la funzionalita’, compensandone in questo modo il ridotto funzionamento”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi