Dengue: zanzare modificate per c…

Scienziati australiani ha…

Polmonite: l'uomo più a rischio …

Basta prendere in giro gl…

La proteina a guardia dell'integ…

Una nuova ricerca ha chia…

Febbre tifoidea: ottimi risultat…

Sono positivi i risultati…

Quale influenza hanno avuto le i…

Centomila anni fa la popo…

IL RUOLO DELLA AUTOIMMUNITÀ TIRO…

Kris Poppe*, Brigitte V…

CCSVI: nasce l’Associazione Nazi…

VENERDI’ 9 APRILE 2010: L…

Scoperta la molecola della buona…

La voglia di fare, la mot…

Cellule staminali ringiovanite p…

[caption id="attachme…

Ipertensione: se il sonno è dis…

Un anziano che soffre di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie rare mitocondriali: arrivano cure sperimentali da studiosi italiani

Sviluppata dal Centro per lo Studio delle Malattie Mitocondriali Pediatriche ”Pierfranco e Luisa Mariani” della Fondazione Istituto Neurologico Besta di Milano una nuova terapia farmacologica in grado di funzionare sulle ”miopatie mitocondriali” – malattie rare che coinvolgono i mitocondri, le ”centrali energetiche” delle cellule – e che potra’ rivelarsi potenzialmente utile anche contro malattie piu’ diffuse e conosciute come il diabete e il Parkinson, in cui sono spesso presenti alterazioni a carico dei mitocondri.



Lo studio, pubblicato su Cell Metabolism, e’ stato per adesso condotto solo sui topi. In termini tecnici i ricercatori hanno dimostrato ”l’efficacia dell’attivazione della biogenesi mitocondriale per la correzione biochimica e clinica di deficit della citocromo c ossidasi in modelli murini”: ”La ricerca – spiega Carlo Viscomi, primo firmatario dello studio – ha dimostrato che e’ possibile ridurre il deficit energetico dovuto ad alterazioni genetiche dei mitocondri attraverso l’utilizzo di un farmaco in grado di attivare la proliferazione dei mitocondri stessi e di migliorarne la funzionalita’, compensandone in questo modo il ridotto funzionamento”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!