Quando l’unione fa la forza: ruo…

A Milano un evento dedica…

TEVA Italia e FISI insieme per i…

Teva Italia sponsor uffic…

Workshop SIN Campania e Regione …

Medici e Istituzioni al t…

Resistenza agli antibiotici: una…

In ogni tipo di ambiente …

Cancro: individuarlo sfruttando …

Il cancro potrebbe esse…

Obesita': ricercatori ne evidenz…

In circa 7 persone su 100…

3L+B = RECUPERO POST INFLUENZALE…

Una volta che la si è pre…

Vaccini: una sostanza potrebbe e…

Scoperto un composto che…

Parere positivo all’approvazione…

In seguito all’approvazio…

Staminali neuronali: più facile …

Se si utilizzano struttur…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanoimaging in 3D ad alta definizione: nuova tecnica

Nanoimmagini in tre dimensioni possibili grazie a scansioni piu’ rapide fino a 60 volte e piu’ precise di quelle ottenute finora: sara’ possibile, spiegano i ricercatori australiani dell’University of Melbourne in uno studio pubblicato su Nature Photonics, grazie all’utilizzo dell’intero spettro di colori della luce del sincrotrone (tipo di acceleratore di particelle), con il quale e’ possibile aumentare la nitidezza delle immagini dei campioni biologici scansionati, aprendo la strada a tecniche di imaging e nanoimaging in 3D piu’ precise.


”Normalmente per ottenere immagini migliori i ricercatori hanno bisogno di convertire i campioni analizzati in cristalli, ma questo non e’ possibile per tutti i campioni – spiegano i ricercatori dell’ARC Centre of Excellence for Coherent X-ray Science (CXS) dell’University of Melbourne -. Poter utilizzare il sincrotrone per aumentare la precisione e la velocita’ della scansione e’ una scoperta che ha un grande potenziale in questo campo”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x