Mastoplastica per fini estetici:…

[caption id="attachment_8…

L'EMEA approva il sildenafil (so…

[caption id="attachment_5…

L’Azienda Ospedaliera San Camill…

Roma, 9 settembre 2010 – …

Cancro al cervello nei bambini: …

Ricercatori dell'Accademi…

[Cordis] Discriminazioni di eta'…

[caption id="attachment_6…

HIV: vaccino testato su scimmie …

Ricercatori della Oregon …

Il farmaco sperimentale faldapre…

Boehringer Ingelheim annu…

Cancro ai testicoli: scoperto in…

Scoperto un interrut…

Infiammazione organica nei primi…

Un’infiammazione organica…

Dipendenza da eroina e oppiacei:…

Una sola iniezione al mes…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore del colon: scoperte molte più mutazioni di quelle note legate all’insorgenza

La scoperta potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti che tengano conto di questa molteplicità di cause


Sono almeno 70 le mutazioni genetiche coinvolte nell’insorgenza del tumore del colon, ovvero molte di più di quanto stimato finora, secondo una nuova ricerca dello UT Southwestern Medical Center pubblicata sulla rivista Cancer Research.

La scoperta, sostengono gli studiosi nell’articolo, potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti che tengano conto di questa molteplicità di cause, ampliando così la manciata di attuali geni considerato nella cura di questo tipo di tumore.

“Il metodo attualmente utilizzato finora è quello di seguire un solo obiettivo terapeutico, mentre ora si apre la prospettiva di approcciare quattro differenti cammini simultaneamente”, ha commentato Jerry W. Shay, vice presidente della divisione di biologia cellulare della UT Southwestern.

Secondo il vecchio modello, si riteneva che ci fossero 151 candidati geni e le mutazioni su 8-15 geni di questi potessero portare all’insorgenza del tumore. Oltre a questi, si riteneva ci fossero oltre 700 “geni passeggeri” le cui mutazioni erano incidentalmente collegati alla crescita tumorale.

“Questi numeri sono errati”, ha aggiunto Shay. “Esistono 65 candidati geni e almeno cinque geni passeggeri le cui mutazioni rivestono un ruolo significativo nello sviluppo del cancro. L’inattivazione della funzionalità di qualcuno di questi geni di soppressione tumorale determina una processo chiave chiamato crescita ancoraggio-indipendente, il che significa che le cellule si impilano le une sulle altre invece di allinearsi in ordine.

Il prossimo passo, concludono gli studiosi, sarà quello di classificare più accuratamente quali geni siano all’origine dell’insorgenza neoplastica e quali siano semplicemente passeggeri.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi