Mastoplastica per fini estetici:…

[caption id="attachment_8…

L'EMEA approva il sildenafil (so…

[caption id="attachment_5…

L’Azienda Ospedaliera San Camill…

Roma, 9 settembre 2010 – …

Cancro al cervello nei bambini: …

Ricercatori dell'Accademi…

[Cordis] Discriminazioni di eta'…

[caption id="attachment_6…

HIV: vaccino testato su scimmie …

Ricercatori della Oregon …

Il farmaco sperimentale faldapre…

Boehringer Ingelheim annu…

Cancro ai testicoli: scoperto in…

Scoperto un interrut…

Infiammazione organica nei primi…

Un’infiammazione organica…

Dipendenza da eroina e oppiacei:…

Una sola iniezione al mes…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS: si lavora su un vaccino basato su super-anticorpi degli individui che non contraggono l’infezione

Si lavora a un vaccino ideato ”copiando” le ‘superdifese’ immunitarie di pazienti sieropositivi che hanno la fortuna di non ammalarsi: il vaccino sara’ basato sugli ‘anticorpi neutralizzanti’ il virus prodotti da questi fortunati pazienti.

A parlarne oggi nel corso della conferenza dell’International Aids Society e’ stato Gary Nabel, Direttore del Centro di Ricerca sui vaccini presso l’Istituto Nazionale di Allergologia e Malattie Infettive degli Stati Uniti (Niaid), che ha pubblicato di recente una ricerca sulla rivista Science sull’identificazione di alcuni di questi super-anticorpi che neutralizzano l’Aids.


Un numero non indifferente di persone con Hiv (10-25%) ha la fortuna (per motivi genetici ancora non del tutto chiari) di produrre anticorpi neutralizzanti il virus, quindi anche se infettati non si ammalano. Questi anticorpi possono fornire la base per un vaccino. Nabel ha identificato l’anticorpo neutralizzante VRC01 che mette KO piu’ del 90% dei ceppi virali di Hiv esistenti. Cio’, ha detto, puo’ aprire la strada alla progettazione di un vaccino copiando appunto le speciali capacita’ dei pazienti resistenti all’Aids.(ANSA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi