Tumori prostatici: nanoparticell…

Una nuova strategia che, …

Il gruppo sanguigno "A" più espo…

La suscettibilita' alle i…

Rigenerazione dei tessuti da cel…

Nuove ricerche della In…

Carote nere per offrire più fibr…

Garantirsi un corretto ap…

Prostata: per prevenzione e inut…

[caption id="attachment_9…

Tumore alla prostata: l'effetto …

E' stato pubblicato sulla…

Neo benigno o no, un test dall'U…

Valuta l'espressione di u…

FDA pone il suo OK sul test rapi…

La Food and drug administ…

Individuati marcatori tumorali t…

[caption id="attachment_8…

Schizofrenia e disturbi sociali:…

Sono tipici della patolog…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: bloccare il morbo cambiando percorsi cellulari

Per ostacolare la progressione del morbo di Alzheimer potrebbe essere utile modificare i percorsi che le proteine percorrono all’interno della cellula.

Infatti secondo uno studio pubblicato da Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), prima di incontrarsi il precursore della proteina beta-amiloide (APP) e l’enzima beta-secretasi (BACE1) – responsabili della formazione delle placche tipiche dei neuroni affetti dal morbo – percorrono strade diverse.


”Chiudere o modificare la strada percorsa dalla beta-secretasi per arrivare ad APP – spiega Wim Annaert, coordinatore della ricerca – potrebbe essere una strategia per inibire lo sviluppo della malattia”.

ASCA

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi