Gravidanza: lo smog incide sul p…

Le donne che in gravidanz…

Sette anni di vita in più se si …

Una camminata vivace di 2…

Sigaretta elettronica: ricercatr…

Stesso gusto, stesso …

Cancro: nuovi antitumorali estra…

I ricercatori del MIT (Ma…

9 settembre con ALT agli aperiti…

Bergamo, 2 SETTEMBRE 2015…

Rimedio naturale contro emorroid…

[caption id="attachme…

Tumore fegato: molecola in grado…

[caption id="attachment_9…

Melanoma: terapie differenziate …

Uno studio dell'Icb-Cnr d…

Carcinoma polmonare: afatinib ot…

Primo farmaco di Boehring…

Tricologi lanciano allarme perdi…

I film ci propongono sem…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: bloccare il morbo cambiando percorsi cellulari

Per ostacolare la progressione del morbo di Alzheimer potrebbe essere utile modificare i percorsi che le proteine percorrono all’interno della cellula.

Infatti secondo uno studio pubblicato da Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), prima di incontrarsi il precursore della proteina beta-amiloide (APP) e l’enzima beta-secretasi (BACE1) – responsabili della formazione delle placche tipiche dei neuroni affetti dal morbo – percorrono strade diverse.


”Chiudere o modificare la strada percorsa dalla beta-secretasi per arrivare ad APP – spiega Wim Annaert, coordinatore della ricerca – potrebbe essere una strategia per inibire lo sviluppo della malattia”.

ASCA

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x