Una soia GM ricca di Omega-3 aiu…

Un olio derivato dai semi…

Insufficienza cardiaca: l'accura…

[caption id="attachment_6…

Scoperta una proteina in grado d…

Un team internazionale di…

SIPPS: “Grazie al Presidente del…

La Società Italiana di Pe…

Obesità: riduce le aspettative d…

L'obesita' puo' ridurre l…

Neuroni a ritmo che scandiscono …

C'e' del ritmo anche nel …

Tumori: nuova famiglia di protei…

Individuata una nuova fa…

BPCO: un broncodilatatore di nuo…

Tosse, espettorato e ma…

Nuovo studio pilota di Fase III …

Rivaroxaban a basse dos…

Erbicida atrazina e fertilità: s…

Un nuovo studio internazi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: bloccare il morbo cambiando percorsi cellulari

Per ostacolare la progressione del morbo di Alzheimer potrebbe essere utile modificare i percorsi che le proteine percorrono all’interno della cellula.

Infatti secondo uno studio pubblicato da Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), prima di incontrarsi il precursore della proteina beta-amiloide (APP) e l’enzima beta-secretasi (BACE1) – responsabili della formazione delle placche tipiche dei neuroni affetti dal morbo – percorrono strade diverse.


”Chiudere o modificare la strada percorsa dalla beta-secretasi per arrivare ad APP – spiega Wim Annaert, coordinatore della ricerca – potrebbe essere una strategia per inibire lo sviluppo della malattia”.

ASCA

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x