Diabete: arriva l'ormone insulin…

Insulina in polvere da …

In Italia si contano 900 meningi…

[caption id="attachment_6…

Linfomi non-Hodgkin: AIFA accogl…

L'’Agenzia Italiana del F…

Botulino: l'impiego della tossin…

Il botulino e' l'interven…

Le zanzare vengono guidate dal l…

Venite punti piu' spesso …

Novartis riceve dal CHMP una rac…

Le sindromi da febbre…

Vaccino HPV: valido, ma non abba…

Dopo essersi sottoposte a…

Tutti in forma con l’Agenda per …

Dodici mesi in movimento …

Malattie reumatiche: grazie a nu…

Il reumatologo di oggi pu…

MAL DI SCHIENA: ARRIVA “MINOSSE…

Mitologia classica e tecn…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: bloccare il morbo cambiando percorsi cellulari

Per ostacolare la progressione del morbo di Alzheimer potrebbe essere utile modificare i percorsi che le proteine percorrono all’interno della cellula.

Infatti secondo uno studio pubblicato da Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), prima di incontrarsi il precursore della proteina beta-amiloide (APP) e l’enzima beta-secretasi (BACE1) – responsabili della formazione delle placche tipiche dei neuroni affetti dal morbo – percorrono strade diverse.

”Chiudere o modificare la strada percorsa dalla beta-secretasi per arrivare ad APP – spiega Wim Annaert, coordinatore della ricerca – potrebbe essere una strategia per inibire lo sviluppo della malattia”.

ASCA

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!