A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Contro i virus non sempre è nece…

Una sperimentazione sui t…

Fertilità al maschile: in molti …

La microchirurgia riaccen…

SIN-ergia: analisi e riflessioni…

Presentazione dello studi…

Il telefono salva la vita. Ma an…

Congresso congiunto della…

Nuove terapie per eliminare le c…

Topi geneticamente modifi…

Un disordine dell'orecchio potre…

Disordini dell'orecchio i…

Second Sight annuncia il success…

Sylmar, California - 6 ma…

Infezioni batteriche ostacolate …

Per combattere le infezio…

Staminali embrionali: segnale ne…

La Commissione giuridica …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cani con il fiuto in grado di rilevare il cancro ai polmoni

Rilevano elementi chimici nel respiro dei pazienti malati I cani sono in grado di riconoscere, tramite l’olfatto, i pazienti malati di cancro ai polmoni, indipendentemente dal fatto che fumino o che siano affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva: ecco l’incredibile risultato scoperto dai ricercatori della clinica Schillerhoehe di Gerlingen, nel sud-ovest della Germania.

Lo studio, che è stato pubblicato sullo European Respiratory Journal, rivela l’esito degli esperimenti che hanno coinvolto alcuni cani addestrati: in 71 casi su 100, gli animali sono stati in grado di riconoscere la presenza di tumori ai polmoni e hanno saputo individuare i pazienti sani in 372 casi su 400. Thorsten Walle ha spiegato che verosimilmente nel respiro dei malati di cancro ai polmoni ci possono essere elementi chimici diversi rispetto a quello delle persone sane.


Evidentemente l’olfatto fine dei cani è in grado di percepirne la presenza, anche quando la malattia è ancora in uno stato precoce. Le precedenti scoperte nel settore avevano mostrato la capacità dei cani di “fiutare” altri tipi di cancro: i tumori della pelle, al seno e all’intestino. Ora le conclusioni presentate dallo studio alla clinica Schillerhoehe aprono un’ulteriore strada sia per la ricerca oncologica sia per la lotta effettiva contro questa terribile malattia. I quattro zampe confermano una volta di più i migliori amici dell’uomo e si propongono come preziosi alleati nella battaglia per sconfiggere il cancro.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x