Diagnosi cancro: gli scienziati …

Ricercatori in Francia e …

Tumore al seno: la risonanza mag…

IL novanta per cento dei …

HTA: a Bari il programma di form…

Bari, 13 Settembre – Gest…

Colesterolo: lo degrada un actin…

[caption id="attachment_7…

Sindrome metabolica: quando si m…

Per la salute, quando si …

Mastectomia: le staminali impieg…

Non è un trauma che lasci…

Doppel: la proteina dai due volt…

[caption id="attachment_1…

#Marijuana: poche evidenze posit…

Nonostante l'uso terapeut…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abbronzatura: in grado di produr…

Il Sole e' come una droga…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fertilità maschile: un uomo su 4 è portatore di una mutazione genetica che potrebbe rappresentare l’ostacolo

Un uomo su 4 nel mondo è portatore di una mutazione genetica che potrebbe ostacolare la fertilità. A scoprire questo difetto genetico è una ricerca internazionale a cui hanno partecipato studiosi provenienti da Usa, Gran Bretagna e Cina.

Il “tallone di Achille” è una proteina, Defb126, che riveste come un cappotto gli spermatozoi aiutandoli a raggiungere l’ovulo. Questa molecola protegge, infatti, le cellule seminali maschili quando devono attraversare il muco che ricopre l’apparato genitale femminile. È in questa fase che la “proteina-scudo” mette al riparo il seme dai probabili attacchi del sistema immunitario femminile.

Se il gene è alterato, gli spermatozoi potrebbero non essere protetti abbastanza. “Nel 70% degli uomini non fertili non è possibile spiegare il problema solo sulla base del numero e della qualità degli spermatozoi”, spiega Gary Cherr dell’Università della California. Lo studio è pubblicato su Science Translational Medicine.

I ricercatori spiegano che basta un test del Dna per evidenziare i problemi. I portatori del gene anomalo, infatti, non presentano alle normali indagini di laboratorio per la fertilità problemi di motilità spermatica, ma messi a contatto con un gel artificiale che simula la vischiosità del muco genitale femminile risultano meno mobili del normale. Iniettando la proteina dall’esterno, la motilità migliora. Non è ancora chiaro, tuttavia, come una mutazione che può influenzare negativamente la fertilità maschile, incompatibile con i principi dell’evoluzione della specie, sia invece così diffusa. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi