Tumori: provocati uno su 40 da e…

In almeno un caso su 40 i…

Le sigarette veicolano ceppi bat…

Le sigarette sono "ampiam…

Tumore ovarico, i poteri di miR-…

Nei casi di tumore ovaric…

Lipoproteina: si aggiunge alla l…

[caption id="attachment_6…

Trapianto di polmone da donatore…

Primo trapianto in Italia…

Il melanoma diagnosticato con un…

[caption id="attachment_9…

L'Alzheimer, si "tramanda" da ne…

Le proteine 'tossiche' al…

Visite ai malati non-stop e repa…

  Oltre a curare al megli…

Un gene alla regia del vivere sa…

[caption id="attachment_5…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gomito del tennista: iniezioni in situ di sangue analogo, ricco di piastrine allevia il dolore

Trovato finalmente un rimedio per alleviare il dolore associato al ‘gomito del tennista’. Dopo il fallimento di altri metodi di trattamento, alcuni medici greci hanno scoperto che iniezioni di sangue ricco di piastrine nella zona colpita contribuisce ad alleviare il dolore di questo fastidiosissimo disturbo.

“Finalmente vi e’ ora una soluzione per i pazienti affetti dall’implacabile gomito del tennista”, ha dichiarato Christos Thanasas dell’Henry Dunant Hospital di Atene, responsabile dello studio. Iniezioni di sangue analogo, in cui si prende il sangue del paziente stesso per poi iniettarlo in una specifica area del corpo, viene utilizzato per sfruttare la potenza di guarigione del sangue contro la degenerazione dei tendini. In particolare viene utilizzato il plasma ricco di piastrine (PRP), ovvero il sangue trattato in una centrifuga per separarne le cellule. Thanasas e i suoi collaboratori hanno confrontato l’efficacia di singole iniezioni locali di PRP sotto guida ecografica con iniezioni di sangue autologo in 28 pazienti con il gomito del tennista, disturbo formalmente conosciuto come epicondilite laterale del gomito.

Dopo sei settimane di trattamento il 61,47 per cento dei pazienti che avevano ricevuto iniezioni di PRP avevano presentato dei miglioramenti significativi, contro il 41,6 dei pazienti trattati con sangue autologo. “PRP e’ probabilmente il miglior trattamento per la epicondilite laterale cronica, se viene utilizzato dopo i metodi tradizionali di trattamento come il riposo, i farmaci anti infiammatori non steroidei, iniezioni di cortisone e fisioterapia”, ha concluso Thanasas. I risultati sono stati pubblicati su The Journal of Sports Medicine .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!