Glioblastoma: scoperta proteina …

Un altro piccolo passo av…

Disturbi comportamentali "da Bis…

Il bisfenolo A ha causato…

Vecchi filler: il 20% delle donn…

Occhio ai filler. Labbra …

Leucemia Linfatica Cronica: un m…

Il modello è stato testat…

Terapia ormonale, associata all'…

La terapia ormonale sosti…

Fumo: ansia dei genitori fa acce…

Secondo l'indagine 2013 M…

Trapianto capelli: nuova tecnica…

Nuove frontiere per comba…

Merck ha presentato nuovi dati s…

Cladribina compresse: nuo…

Tumori: al via lo studio clinico…

[caption id="attachment_7…

Spending review: i bambini resti…

Ben 34 associazioni sotto…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Linagliptin approvato in Europa per il trattamento del diabete di tipo 2

 Linagliptin è l’unico trattamento per il diabete ad essere stato approvato in monosommistrazione giornaliera e in unico dosaggio per tutti i pazienti adulti senza necessità di aggiustamento della dose.

 

Ingelheim, Germania,  25.08.2011 – Boehringer Ingelheim e Eli Lilly and Company (NYSE: LLY) hanno ricevuto oggi dalla Commissione Europea l’autorizzazione all’immissione in commercio di linagliptin, compresse rivestite da 5 mg, per il trattamento di pazienti adulti con diabete di tipo 2.

La Commissione Europea ha approvato linagliptin per l’utilizzo in combinazione con metformina e in combinazione con metformina e sulfanilurea.1 Linagliptin è approvato inoltre per l’uso come monoterapia in quei pazienti che non riescono a raggiungere  un adeguato controllo della glicemia solo con la dieta e l’attività fisica e che non possono assumere metformina in quanto non tollerata o controindicata per la presenza di compromissione renale.1

 

“Il programma di studi clinici di Fase III ha dimostrato l’efficacia significativa di linagliptin nel trattamento del diabete di tipo 2. Siamo molto felici del fatto che linagliptin sarà presto disponibile per il trattamento dei pazienti in Europa” ha detto il Prof. Klaus Dugi, Senior Vice President Medicine del Gruppo Boehringer Ingelheim. “I miglioramenti ottenuti nel controllo glicemico si sono dimostrati stabili e duraturi fino a 52 settimane e significativi in diverse tipologie di pazienti adulti, rendendo linagliptin un trattamento affidabile ed efficace per il diabete di tipo 2.”

 

Gli studi dimostrano che linagliptin è efficace e ha un buon profilo di sicurezza e tollerabilità, riducendo in modo significativo i livelli di emoglobina glicata (emoglobina A1c o HbA1c) in media dallo  -0.6 allo -0.7 %2,3  (rispetto al placebo). L’emoglobina A1c viene misurata nei pazienti diabetici come indicatore del controllo glicemico nei due – tre mesi precedenti al prelievo ed è usata anche come un indicatore per determinare l’efficacia delle terapie ipoglicemizzanti.

 

“A differenza degli altri inibitori della DPP-4, linagliptin è escreto prevalentemente per via biliare ed intestinale non metabolizzato, non richiedendo quindi un aggiustamento della dose in pazienti con una alterata funzionalità renale o epatica”, ha affermato il Prof. Anthony Barnett, consulente dell’Heart of England NHS Foundation Trust e Professore Emerito di  Medicina dell’Università di Birmingham. “Per questo linagliptin è disponibile in un unico dosaggio. Linagliptin è pertanto semplice da utilizzare per i medici, perché l’unico dosaggio è adatto per tutti i pazienti adulti.”

 

Linagliptin 5 mg ha ottenuto l’approvazione sulla base dei risultati di un programma di studi clinici che ha coinvolto circa 6.000 pazienti adulti con diabete di tipo 2. Del programma facevano parte  studi controllati verso placebo che hanno valutato linagliptin in monoterapia4 e in associazione ad altri farmaci ipoglicemizzanti orali comunemente impiegati, come metformina e sulfaniluree.2,5-6 In due studi in monoterapia linagliptin ha dimostrato differenze statisticamente significative in termini di riduzione media dei livelli di HbA1c, rispetto a placebo da – 0,6% a -0, 7%.3-4 In pazienti non adeguatamente controllati con metformina o metformina più sulfanilurea, l’aggiunta di linagliptin ha prodotto una differenza statisticamente significativa in termini di riduzione media di HbA1c rispetto a placebo di -0,6 percento. 2,5 L’incidenza di episodi ipoglicemici è stata bassa e il peso non  ha subito variazioni significative rispetto al basale.2,5

 

In uno studio della durata di due anni che ha confrontato l’efficacia e la sicurezza di linagliptin 5 mg rispetto a glimepiride (dose media 3 mg) in aggiunta alla metformina in pazienti con glicemia non adeguatamente controllata (valore medio basale di HbA1c 7.69%), linagliptin si è rivelata altrettanto efficace nella riduzione della HbA1c, con una differenza fra i trattamenti dello 0.20% (97.5% CI: 0.09, 0.299).


L’incidenza di episodi ipoglicemici nel gruppo linagliptin è stata significativamente più bassa (7.5%) rispetto a quella nel gruppo glimepiride (36.1%).1 I pazienti trattati con linagliptin hanno mostrato una perdita di peso relativa significativa di -2.7 kg (linagliptin: -1.39 vs glimepiride: +1.29 kg). 1

 

Nell’analisi dei dati aggregati degli studi controllati verso placebo, l’incidenza complessiva di eventi avversi nei pazienti trattati con linagliptin 5mg è stata simile a quella rilevata con placebo (55% versus 53.8% ). Con la tripla combinazione di linagliptin più metformina e sulfanilurea l’ipoglicemia è stata la reazione avversa riportata più frequentemente (14.7% con linagliptin versus 7.6% con placebo). Nessuna delle ipoglicemie è stata classificata come severa.

 

“L’approvazione europea di linagliptin rappresenta un’altra pietra miliare nell’alleanza di Boehringer Ingelheim e Lilly nel diabete. Linagliptin può essere una nuova , importante opzione terapeutica per i pazienti con diabete di tipo 2 ”, ha affermato Enrique Conterno, Presidente di Lilly Diabetologia.

 

Linagliptin

Linagliptin è un inibitore dell’enzima DPP-4 (Dipeptidil peptidasi 4,) coinvolto nell’inattivazione degli ormoni incretine GLP-1 e GIP (peptide1 glucagone-simile, polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente). Linagliptin aumenta la secrezione dell’insulina e riduce la secrezione di glucagone in maniera glucosio-dipendente con conseguente miglioramento generale dell’omeostasi del glucosio1.
Il trattamento con linagliptin determina riduzioni importanti nella glicemia plasmatica a digiuno (FPG) rispetto al placebo, sia in monoterapia che in associazione a metformina e/o sulfaniluree2,5. Inoltre, provoca una riduzione significativa nella glicemia post-prandiale a due ore (PPG) superiore al placebo quando utilizzata in associazione a metformina.

FGP è utilizzato per valutare i livelli di glicemia in condizioni di digiuno (generalmente al mattino, al risveglio), e PPG è utilizzato per valutare i livelli di glucosio dopo i pasti (generalmente due ore dopo il pasto).

 

Con linagliptin non sono necessari aggiustamenti di dosaggio, neppure per i pazienti con compromissione renale1. In studi controllati, non sono state riscontrate differenze significative in termini di variazioni ponderali rispetto al basale per linagliptin in monoterapia4, in associazione a metformina o in associazione a metformina più sulfanilurea5. I pazienti in terapia con linagliptin hanno mostrato un calo ponderale medio significativo verso il basale rispetto ai pazienti in terapia con sulfanilurea, che hanno avuto un importante aumento ponderale (calo di 1,39 kg contro aumento di 1,29 kg. p<0,0001).

 

Linagliptin sarà commercializzato con il nome commerciale di Trajenta®.

 

Il diabete

Circa 285 milioni di persone sono affette da  diabete nel mondo.7 Il diabete di tipo 2 è il tipo di diabete più comune, con una percentuale stimata di circa il 90% di tutti i casi di diabete.7 Il diabete è una patologia cronica che insorge quando l’organismo non è più in grado di produrre o utilizzare in maniera adeguata l’ormone dell’insulina.8

 

L’alleanza fra Boehringer Ingelheim e Eli Lilly and Company

A gennaio 2011 Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly and Company hanno annunciato di aver formato un’alleanza in diabetologia che riguarda quattro farmaci in via di sviluppo in alcune fra le principali classi farmacologiche. L’accordo poggia sui punti di forza di due fra le maggiori aziende farmaceutiche a livello mondiale, unendo la comprovata capacità d’innovazione trainata dalla ricerca di Boehringer Ingelheim alla ricerca innovativa, all’esperienza pioneristica in diabetologia di Lilly. Con la loro sinergia, le due aziende dimostrano il loro impegno a realizzare terapie per i pazienti diabetici e la loro dedizione a rispondere ai bisogni dei pazienti. Potete trovare maggiori informazioni sull’alleanza su www.boehringer-ingelheim.com o www.lilly.com.

 

Boehringer Ingelheim

Il Gruppo Boehringer Ingelheim è una delle prime 20 aziende farmaceutiche del mondo. Il Gruppo ha sede a Ingelheim, Germania, e opera a livello globale con 145 affiliate e più di 42.000 dipendenti. Sin dalla sua fondazione nel 1885, l’azienda a proprietà familiare si dedica a ricerca, sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti innovativi dall’elevato valore terapeutico nel campo della medicina e della veterinaria.

Operare in maniera socialmente responsabile è un punto centrale della cultura e dell’impegno di Boehringer Ingelheim. La partecipazione a progetti sociali, l’attenzione ai propri dipendenti e alle loro famiglie, l’offerta di pari opportunità per tutti i dipendenti costituiscono le fondamenta delle attività del gruppo a livello mondiale. La mutua collaborazione, il rispetto, al pari della tutela e della sostenibilità ambientale sono parte integrante di ogni iniziativa che Boehringer Ingelheim intraprende.

Nel 2010, Boehringer Ingelheim ha registrato un fatturato netto di circa 12,6 miliardi di euro, investendo quasi il 24% del fatturato netto della sua maggiore divisione “Farmaci da Prescrizione” in ricerca e sviluppo.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.boehringer-ingelheim.com

 

Eli Lilly and Company

Primaria azienda mossa dall’innovazione, Lilly sta sviluppando un portafoglio sempre più ampio di prodotti farmaceutici grazie alle ricerche all’avanguardia dei propri laboratori in tutto il mondo e alla collaborazione con prestigiose organizzazioni scientifiche. Lilly ha sede ad Indianapolis, Indiana (USA). Con farmaci e informazione Lilly dà risposte ad alcune delle esigenze mediche più urgenti a livello mondiale.

Potete trovare ulteriori informazioni relative a Lilly sul sito www.lilly.com

 

Lilly Diabetologia

Da più di 85 anni Lilly è leader mondiale nell’introduzione di soluzioni d’avanguardia che aiutano le persone a vivere e a trattare il diabete. Lilly ha introdotto la prima insulina commerciale al mondo nel 1923 e continua a essere in prima linea nell’innovazione sia per quanto riguarda i farmaci, che i dispositivi di somministrazione per la gestione del diabete. Lilly è anche impegnata a fornire soluzioni che vadano oltre la terapia, ovvero strumenti pratici, informazioni e programmi di sostegno per superare le barriere che ostacolano il raggiungimento del successo nel controllo del diabete. Le tematiche che affliggono ciascun individuo che convive ed è in terapia per questa patologia, guidano Lilly nel suo operare. Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.lillydiabetes.com

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!