Linagliptin approvato dalla FDA …

Primo inibitore del DPP-4…

Mylan supporta il progetto dell'…

Milano, 18 Dicembre 2012 …

Tumori: statine possono rallenta…

Le statine, noti farmaci …

I suoni si fissano al cervello e…

[caption id="attachment_7…

Leucemia: verso un possibile vac…

Il sistema immunitario de…

Tumori: dal c-MET alla TAC a spi…

L'obbiettivo è il solito:…

Dipendenza da Facebook? A.I.D.A:…

Cresce la sindrome del ‘M…

Dolore cronico: al via il proget…

Il farmacista come riferi…

Magnesio contro il declino cogni…

Mentre una carenza di mag…

Studio pilota con brentuximab ve…

– Sopravvivenza glo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperti meccanismi genetici che proteggono dai virus influenzali

Roma, 26 ago – Scoperte le basi genetiche della variabilita’ della risposta all’influenza. Secondo le ricerche effettuate dal gruppo di Alfred Hero dell’Universita’ del Michigan (Ann Arbor, Stati Uniti) in collaborazione con gli esperti della Duke University di Durham (Stati Uniti) pubblicate dalla rivista PloS Genetics, tutto dipende da come il sistema immunitario del singolo individuo risponde all’infezione da parte del virus.

Per arrivare a queste conclusioni gli autori della ricerca hanno analizzato l’espressione dei geni in seguito all’infezione utilizzando diverse metodiche, tra cui un algoritmo matematico sviluppato per studiare le immagini satellitari, rilevando le differenze tra chi e’ piu’ suscettibile alla malattia e chi, invece, riesce ad avere la meglio sull’infezione.


In totale sono stati studiati 22.000 geni in 267 campioni di sangue prelevati nelle 132 successive all’inoculazione del virus in soggetti sani. Le differenze nell’espressione genica, spiegano i ricercatori, sono osservabili fino a 36 ore prima del picco dei sintomi della malattia. Cio’ potrebbe permettere di diagnosticare il disturbo in fase precoce, consentendo di attuare le strategie piu’ adatte per prevenire la comparsa dei sintomi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi