Quando il cervello viene salvato…

Ridurre la temperatura co…

Distrofia muscolare: allo studio…

Rigenerare i muscoli da…

Sclerosi Multipla: tra i fattori…

Due studi mostrano che ch…

Diagnosi precoce del cancro: gra…

Un progetto finanziat…

Tablets e telefonini: la luce ch…

Problemi di sonno per chi…

L'impatto dell'epigenetica sui d…

Le malattie neuropsichiat…

Obesità: a Milano la soluzione c…

Presso l’IRCCS Multimedic…

Evoluzione nel trattamento endov…

Sviluppata nuova protesi …

Confermata l'inefficacia degli a…

Uno studio europeo su 206…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Staminali pluripotenti da follicoli dei capelli

Dai capelli una speranza per chi soffre di cuore. Partendo da cellule dei follicoli, un gruppo di scienziati tedeschi e’ riuscito a ottenere staminali ‘ringiovanite’ e a trasformarle in cellule cardiache, ottenendo cosi’ un modello utile a studiare nuove cure.


Lo studio, condotto dal team di Katrin Streckfuss-Boemeke dell’ospedale universitario di Goettingen, e’ stato presentato a Parigi durante il congresso della Societa’ europea di cardiologia (Esc) che gli ha attribuito il premio assegnato ai giovani scienziati attivi nella ricerca di base.
I risultati, spiegano gli autori, aprono nuove prospettive di ricerca per i pazienti con malattie cardiache di origine genetica che colpiscono bambini e giovani under 35. Per studiare queste patologie in genere vengono usati modelli animali, non sufficientemente ‘realistici’. Piu’ di recente, un nuovo filone e’ stato aperto dalle staminali pluripotenti indotte.

Tuttavia la fonte classica per ottenerle sono cellule della pelle o del midollo osseo, il che comporta la necessita’ di sottoporre i pazienti a una procedura chirurgica. Ora, invece, gli scienziati hanno scoperto una fonte alternativa di staminali ringiovanite: i cheratinociti dei follicoli in cui ‘abitano’ i capelli.
L’équipe tedesca e’ partita da 40 capelli di 41 pazienti di eta’ compresa fra 22 e 52 anni ; hanno isolato e coltivato i cheratinociti dei follicoli, dopo 10-14 giorni hanno iniziato a ringiovanirli e in 2-3 settimane hanno ottenuto cellule pluripotenti del tutto simili alle staminali embrionali.
L’ultimo passaggio e’ stato ‘pilotarne’ la crescita in modo da ottenere cardiomiociti: un cuore ‘in provetta’ da studiare in liberta’ e sul quale testare nuovi farmaci su misura.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x