Nuova SARS: molecola impedisce l…

Alcuni scienziati della F…

Sindrome premestruale, il proble…

Alla base della sindrome …

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Schizofrenia: farmaco sperimenta…

Un farmaco antitumorale s…

Nei mancini il rischio psicosi è…

Una brutta notizia per i …

Cancro al fegato: sperimentata u…

Bloccare il nutrimento al…

Sclerosi Multipla e CCSVI: al vi…

È partito anche a Reggio …

SLA: nuovi studi sul gene FUS, e…

Gli aggregati proteici ti…

Dal CHMP una misura di cautela …

Roma, 26 gennaio 2015 - I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccini: studio riconferma validità e infondati dubbi sulla sicurezza

– I vaccini sono ampiamente sicuri, possono causare pochissimi effetti collaterali e non ci sono prove che siano responsabili di casi di autismo o di diabete di tipo I.

A dirlo, e’ una review compiuta su oltre mille casi da parte di un panel federale statunitense costituito da scienziati dell’Institute of Medicine, parte della National Academies of Sciences. Si tratta del primo rapporto globale sugli effetti collaterali dei vaccini a partire dal 1994. La paura legata ai vaccini, secondo quanto riportano gli studiosi, spesso induce molti genitori a saltare le vaccinazioni nonostante le rassicurazioni delle autorita’ sanitarie.

“Abbiamo esaminato oltre mille articoli scientifici valutando le prove epidemiologiche e biologiche circa gli effetti collaterali dei vaccini – ha spiegato Ellen Wright Clayton, del Center for Biomedical Ethics and Society alla Vanderbilt University di Nashville, che ha coordinato il gruppo di ricerca – e solo in pochissimi casi i vaccini hanno causato reazioni avverse, e quasi sempre molto limitate negli effetti e nel tempo”. Il rapporto e’ stato commissionato dallo U.S.
Department of Health and Human Services. Gli scienziati hanno analizzato otto tipi di comuni vaccini: la combinazione morbillo-parotite-rosolia (MMR), la difterite-tetano-pertosse acellulare (DTaP), il vaccino per la varicella, influenza, l’epatite B, meningite, il tetano e il papillomavirus umano (Hpv). In particolare, gli studiosi tengono a sottolineare che il vaccino MMR e quello DTaP non hanno mostrato di causare autismo o diabete di tipo I, e che il vaccino contro l’influenza non ha causato temporanea paralisi facciale e non ha peggiorato i sintomi dell’asma. “Ci sono prove sufficientemente forti che i vaccini non causano questi effetti collaterali”, ha continuato Wright Clayton. Fra gli effetti collaterali mostrati, la maggior parte aveva brevissima durata e si trattava, per esempio, di convulsioni in quei soggetti che dopo il vaccino MMR avevano sviluppato febbre alta. Ma comunque erano episodi passeggeri. “Non causavano in nessun modo effetti a lungo termine e nemmeno epilessia”, ha precisato Wright Clayton. La combinazione MMR, in qualche persona con gravi deficit immunitari, ha causato una rara forma di infiammazione cerebrale. Sempre in persone con sistema immunitario compromesso, il vaccino contro la varicella ha causato polmonite, epatite, meningite. Sei vaccini – MPR, varicella, influenza, epatite B, meningite, tetano – sono stati in grado di scatenare shock anafilattici, reazioni allergiche che compaiono subito dopo l’iniezione. “Una situazione che si puo’ benissimo affrontare raccomandando ai pazienti di restare in sala d’attesa per 15 minuti dopo l’iniezione, per assicurarsi che non si manifesti una reazione allergica”, ha concluso Wright Clayton.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi