Diabete di tipo 2: nuovi studi d…

Ingelheim, Germania e Ind…

Tumori solidi curabili con farma…

Il sistema immunitario de…

Le modifiche al Dl Rilancio econ…

AssoGenerici plaude all’a…

Comportamenti aggressivi e livel…

Chi si mostra particolarm…

Rumore elettronico: da disturbo …

Un nuovo studio ha permes…

Un test innovativo per i tumori …

Roma, 27 ott. - Parte da …

Approvazione europea per linagli…

La Commissione Europea ha…

Aterosclerosi: verso un vaccino

[caption id="attachment_7…

Chemioterapia personalizzabile p…

Il piu' grande studio si…

Dal cervello al viso L'equilibri…

Quattrocento esperti da t…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alitosi: 90 percento dei casi da attribuire ad una cattiva igiene orale

Sfatato mito: il 90% dei casi di alitosi dipende dalla bocca e non, come comunemente si crede, da patologie gastro-intestinali o delle vie aeree.

A spiegarlo e’ Saverio Giovanni Condo’, direttore del Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche dell’Universita’ di Roma ”Tor Vergata”: ”Il 90% dei casi di alitosi dipende dalla bocca, e di queste il 50% e’ dovuto a patologie del cavo orale e a restauri incongrui. Il rimanente 10% puo’ invece dipendere da patologie gastro-intestinali (reflusso gastro-esofageo, stenosi pilorica), tumori, malattie sistemiche (diabete mellito, epatopatie) e patologie delle vie aeree (nasali, paranasali, laringee, polmonari)”. A soffrirne, secondo le stime, ”e’ il 50% della popolazione di eta’ superiore ai 40 anni. Per quello che riguarda i giovani, invece, l’alitosi sembra essere presente nel 15-20% dei soggetti di eta’ compresa tra i 15 e i 30 anni”.


Prevenire e’ sempre meglio che curare. ”I principali responsabili dell’alitosi sono i batteri che proliferano nel cavo orale, e in particolare quelli che formano la placca dentale e l’esteso biofilm che ricopre la lingua – spiega Condo’ -. Di conseguenza un’accurata igiene orale con spazzolino, dentifricio e specifici collutori e’ la base del trattamento contro questo disturbo. Inoltre, l’uso del filo interdentale e degli scovolini permette di ridurre la disponibilita’ di nutrienti per i batteri in siti difficili da raggiungere con lo spazzolino. Ancora piu’ efficace risulta l’uso quotidiano del puliscilingua che permette di rimuovere la patina di biofilm dal dorso della lingua”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi