Ossigeno inibisce la capacità ri…

Il gas presente nell’aria…

Infarto: ipotermia spesso come s…

Le persone colpite da att…

Alitair ottiene da Edmond Pharma…

La molecola, già registra…

Colesterolo "buono" (HDL) divent…

Gli scienziati scoprono c…

Melanoma o vitiligine: quello ch…

Chi ha gli occhi azzurri …

Cancro al pancreas: nuovo farmac…

Il trattamento combinato …

Tumori: proteine marker del papi…

A seconda del ceppo o del…

Batteri acneici a protezione del…

I batteri che causano ac…

Alzheimer: nuove speranze di tra…

Scienziati testano un nuo…

Infarto: abbassare la temperatur…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alitosi: 90 percento dei casi da attribuire ad una cattiva igiene orale

Sfatato mito: il 90% dei casi di alitosi dipende dalla bocca e non, come comunemente si crede, da patologie gastro-intestinali o delle vie aeree.

A spiegarlo e’ Saverio Giovanni Condo’, direttore del Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche dell’Universita’ di Roma ”Tor Vergata”: ”Il 90% dei casi di alitosi dipende dalla bocca, e di queste il 50% e’ dovuto a patologie del cavo orale e a restauri incongrui. Il rimanente 10% puo’ invece dipendere da patologie gastro-intestinali (reflusso gastro-esofageo, stenosi pilorica), tumori, malattie sistemiche (diabete mellito, epatopatie) e patologie delle vie aeree (nasali, paranasali, laringee, polmonari)”. A soffrirne, secondo le stime, ”e’ il 50% della popolazione di eta’ superiore ai 40 anni. Per quello che riguarda i giovani, invece, l’alitosi sembra essere presente nel 15-20% dei soggetti di eta’ compresa tra i 15 e i 30 anni”.


Prevenire e’ sempre meglio che curare. ”I principali responsabili dell’alitosi sono i batteri che proliferano nel cavo orale, e in particolare quelli che formano la placca dentale e l’esteso biofilm che ricopre la lingua – spiega Condo’ -. Di conseguenza un’accurata igiene orale con spazzolino, dentifricio e specifici collutori e’ la base del trattamento contro questo disturbo. Inoltre, l’uso del filo interdentale e degli scovolini permette di ridurre la disponibilita’ di nutrienti per i batteri in siti difficili da raggiungere con lo spazzolino. Ancora piu’ efficace risulta l’uso quotidiano del puliscilingua che permette di rimuovere la patina di biofilm dal dorso della lingua”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x