Alzheimer e memoria semantica: l…

[caption id="attachment_1…

La qualità del sonno migliora co…

Un nuovo studio statunit…

Alzheimer: funziona la prevenzio…

La somministrazione prolu…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Arrivano gli stent per i restrin…

Buone notizie per i pazie…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Dal colesterolo una speranza con…

[caption id="attachm…

Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

SLA: un errore nella formazione …

Un errore nella formazion…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Identificato il gene del dolore cronico

Alcuni scienziati in Spagna e nel Regno Unito hanno scoperto un gene responsabile di regolare il dolore cronico.

Pubblicati sulla rivista Science, i risultati fanno luce su come i farmaci possono essere mirati per bloccare la proteina prodotta dal gene in modo da combattere il dolore cronico. I ricercatori sono stati finanziati in parte da una borsa Azioni Marie Curie del Settimo programma quadro (7? PQ) dell’UE. 

I ricercatori dell’Università di Cambridge, in collaborazione con colleghi del Dipartimento di Neuroscienza, Centro de Investigación Biomédica en Red de Salud Mental (CIBERSAM), Facoltà di medicina, Università di Cádiz in Spagna, dicono che il tasso di azione che potenzialmente alimenta i nocicettori è un importante fattore che determina l’intensità del dolore.

Circa un inglese su sette soffre di dolore cronico o di lunga durata. I disturbi più comuni sono artrite, mal di schiena e mal di testa. Secondo gli esperti ci sono due tipi di dolore cronico: dolore infiammatorio e dolore neuropatico.

Il dolore infiammatorio è la conseguenza di una lesione persistente come l’artrite o una bruciatura che provoca una sensibilizzazione delle terminazioni nervose sensibili al dolore. Quindi i soggetti finiscono per sentire molto più dolore. Il dolore neuropatico è il tipo di dolore meno curabile. Qui il danno al nervo produce un dolore continuo e i malati sono ipersensibili agli stimoli. I ricercatori dicono che il dolore neuropatico, che potrebbe essere un problema permanente, colpisce molte persone ma è difficile da curare.

Per esempio, i diabetici devono fare i conti con il dolore cronico (ci sono 3,7 milioni di persone in Europa, Giappone e Stati Uniti cui è stato diagnosticato il diabete) così come chi soffre di herpes zoster e i malati di cancro. Anche la lombalgia è un dolore neuropatico.

“Chi soffre di dolore neuropatico spesso ha poco sollievo o addirittura nessuno a causa della mancanza di medicine efficaci,” dice l’autore anziano dello studio, il professor Peter McNaughton del Dipartimento di farmacologia dell’Università di Cambridge nel Regno Unito. “La nostra ricerca getta le basi per lo sviluppo di nuovi farmaci per curare il dolore cronico bloccando l’HCN2”.

Il gene HCN2 si esprime in terminazioni nervose sensibili al dolore. Mentre i ricercatori hanno da tempo determinato che il gene è espresso in terminazioni nervose sensibili al dolore, nessuno è stato in grado di chiarire che ruolo abbia nella regolazione del dolore… finora.

Spiegano che poiché un gene collegato, l’HCN4, influenza il controllo della frequenza dell’attività elettrica nel cuore, credono che l’HCN2 abbia un ruolo nella regolazione della frequenza dell’attività elettrica nei nervi sensibili al dolore.

Ai fini dello studio, il team ha rimosso il gene HCN2 dai nervi sensibili al dolore. Quindi gli scienziati hanno fatto degli studi usando stimoli elettrici su questi nervi in colture di cellule per scoprire come le loro proprietà cambiavano quando veniva tolto l’HCN2.

“Molti geni hanno un ruolo fondamentale nella sensazione di dolore, ma nella maggior parte dei casi interferendo con loro si elimina semplicemente tutto il dolore, o persino la sensazione del dolore,” dice il professor McNaughton. “La cosa interessante di questo lavoro sul gene HCN2 è che eliminandolo – o bloccandolo farmacologicamente – si elimina il dolore neuropatico senza coinvolgere il normale dolore acuto. Questa scoperta potrebbe essere molto preziosa in campo medico perché la normale sensazione di dolore è essenziale per evitare i danni accidentali.”

Per maggiori informazioni, visitare:

University of Cambridge:
http://www.cam.ac.uk/

Science:
http://www.sciencemag.org/

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!