Dislessia e intelligenza: nessun…

[caption id="attachment_5…

Diabete e insulina: il topo potr…

[caption id="attachment_9…

Le strategie di sopravvivenza ce…

Digiuno forzato? Le cellu…

Un nastro adesivo molecolare per…

Quando ci si ferisce una …

La vera pandemia del secolo è il…

[caption id="attachme…

Gastroenterite: aumentano negli …

Aumenta il numero di pers…

Evoluzione nel trattamento endov…

Sviluppata nuova protesi …

Tumori: iniziano sperimentazioni…

Parte la sperimentazione …

Cellule staminali ematopoietiche…

Fatto un passo in avanti …

La ricerca italiana apre a nuovi…

Giornata Mondiale contro …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia: scoperto il gene che predispone l’uomo

Mutazioni nel gene GATA2 predispongono allo sviluppo della leucemia mieloide acuta e della mielodisplasia. Ad annunciarlo è la rivista Nature Genetics che ha pubblicato i risultati ottenuti da una collaborazione fra i ricercatori dell’University of Australia di Adelaide (Australia) e l’University of Washington di Seattle (Stati Uniti).

Lo studio ha coinvolto famiglie australiane, canadesi e statunitensi con una storia pregressa di leucemia mieloide acuta e ha dimostrato che diverse mutazioni in questo gene, che codifica per un fattore di trascrizione – una proteina che controlla l’espressione di altri geni – causano un’alterazione dell’espressione genica, del differenziamento e della morte cellulare da cui deriva l’incapacità di produrre globuli bianchi funzionali. Per questo in alcune famiglie è stato riscontrato un aumento della sensibilità all’infezione da parte di batteri, virus e funghi.

“E’ probabile che questi errori ereditari siano più comuni di quanto pensassimo”, ipotizzano gli autori, secondo cui la scoperta potrebbe portare alla messa a punto di nuovi farmaci. Non solo: GATA2 potrebbe anche diventare, spiegano i ricercatori, un nuovo marcatore molecolare per effettuare diagnosi precoci in chi ha una storia familiare di leucemia. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi