Dislessia e intelligenza: nessun…

[caption id="attachment_5…

Diabete e insulina: il topo potr…

[caption id="attachment_9…

Le strategie di sopravvivenza ce…

Digiuno forzato? Le cellu…

Un nastro adesivo molecolare per…

Quando ci si ferisce una …

La vera pandemia del secolo è il…

[caption id="attachme…

Gastroenterite: aumentano negli …

Aumenta il numero di pers…

Evoluzione nel trattamento endov…

Sviluppata nuova protesi …

Tumori: iniziano sperimentazioni…

Parte la sperimentazione …

Cellule staminali ematopoietiche…

Fatto un passo in avanti …

La ricerca italiana apre a nuovi…

Giornata Mondiale contro …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il grasso del cuoio capelluto aiuta la ricrescita dei capelli

Secondo i ricercatori dell’Università di Yale (New Haven, Stati Uniti) le cellule di grasso presenti nel cuoio capelluto sono la fonte delle molecole che promuovono la crescita dei capelli.

La notizia, pubblicata dalla rivista Cell, apre nuove strade per invertire il fenomeno della calvizie. Gli studiosi hanno dimostrato che gli adipociti presenti nella pelle si rigenerano parallelamente al ciclo di crescita del capello: i loro precursori quadruplicano infatti quando il follicolo pilifero – la struttura da cui origina il capello – inizia a crescere.


La ricerca ha evidenziato che per “risvegliare” i follicoli piliferi che, in chi soffre di calvizie, si trovano bloccati nella fase dormiente, è sufficiente fornire queste cellule di grasso: con questo approccio in sole due settimane gli studiosi sono riusciti a far ripartire la proliferazione dei follicoli in topi senza peli che non erano in grado di produrre gli adipociti. Questo effetto, spiegano gli autori, è dovuto alla presenza di una molecola – il cosiddetto platelet-derived growth factor (PDGF) – presente a livelli 100 volte superiori negli adipociti rispetto alle cellule che li circondano e che, iniettata nella pelle dei topi, riattiva l’86% dei follicoli. Per approfondimenti

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi