Proteina orexina, legata alla so…

La proteina orexina, che …

La prostata guarisce a L'Aquila

Unità Operativa Complessa…

AIDS: decifrato genoma virus

[caption id="attachment_2…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Merck Serono presenta nuovi dati…

Ginevra, Svizzera, 2 magg…

TEVA ITALIA: ROBERTA BONARDI BUS…

Milano, Novembre 2014– Da…

I Clinical Trial Center dei prin…

Eccellenza scientifica, g…

Nuove tecnologie per la scansion…

Alcuni scienziati stanno …

Il cervello come reagisce ad un …

Metà degli ultrasessanten…

Ridurre il sale nella dieta: sol…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un batterio, associato a carie e ulcere, potrebbe essere causa di cancro all’intestino

Un batterio solitamente associato a carie e ulcere della pelle potrebbe essere riconducibile anche al cancro all’intestino.

Secondo due studi indipendenti, infatti, il batterio Fusobacterium sarebbe stato trovato in numerosi casi di tumore al colon. Stando a quanto si legge sulla rivista Genome Research, non e’ ancora del tutto chiaro se il microrganismo patogeno possa provocare i cambiamenti cancerosi o se sia una scoperta incidentale, ma nel primo caso una terapia antibiotica potrebbe essere in grado di trattare e prevenire il cancro.

I due studi sono stati condotti dall’Universita’ del Canada e dal Cancer Institute di Boston, Usa. Finora, a proposito del cancro all’intestino, le cause scatenanti non sono conosciute ma si conoscono alcuni fattori di rischio come l’eta’ e la storia familiare. Il Fusobacterium potrebbe essere aggiunto a questa lista: il microrganismo patogeno era gia’ stato legato alle coliti ulcerative, che sono esse stesse fattori di rischio per il tumore all’intestino. Entrambi gli studi hanno riscontrato tracce genetiche del batterio in oltre 100 campioni di tessuti intestinali cancerosi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi