Igiene delle mani, perché è impo…

L’igiene delle mani è…

Marijuana e salute: una relazion…

L’uso abituale di marijua…

Medicina rigenerativa: scoperto …

Un gruppo di scienziati d…

La scommessa italiana per la cur…

La ricerca sulla fibrosi …

HIV e prevenzione: la scoperta p…

Secondo la rivista Scienc…

Dati di uno studio di Fase III d…

Dati di uno studio di Fas…

FOFI e ALLIANCE HEALTHCARE ITALI…

 Altre 14 farmacie d’emer…

Aspartame: torna a far parlare d…

Nuovi sospetti per l'aspa…

La "Molecola Trofeo" potrebbe ri…

Alcuni ricercatori hanno …

Scienziati approvano i nuovi mat…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: scoperto un enzima con funzioni di interruttore, spegnerlo vuol dire sconfiggere la patologia

Identificato il ruolo-chiave dell’enzima JNK coinvolto nella generazione e nella progressione dell’Alzheimer: la scoperta, effettuata dai ricercatori dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” di Milano, rappresenta un primo successo – riscontrato nella sperimentazione animale – di un trattamento che ha portato alla cura della patologia e al completo annullamento dei deficit cognitivi.

Lo studio pubblicato sul Journal of Biological Chemistry, condotto da Tiziana Borsello del dipartimento di Neuroscienze dell’Istituto, mette in evidenza che l’enzima JNK agisce su due proteine alla base della neurodegenerazione cellulare che porta allo sviluppo della malattia: la proteina amiloide – responsabile della formazione delle specie neurotossiche, i frammenti di beta amiloide – e la proteina tau – responsabile dei grovigli neuro-fibrillari. Lo studio è stato effettuato su un topo affetto da Alzheimer. «Abbiamo messo a punto e somministrato il primo trattamento cronico a base di un peptide inibitore di JNK a un topo affetto d’ Alzheimer – spiega Borsello -.

L’inibitore specifico utilizzato, il D-JNKI1, si è dimostrato in grado di prevenire l’azione dell’enzima JNK su entrambi i markers». Il trattamento cronico a base dell’inibitore messo a punto, somministrato in una fase conclamata della malattia, «è stato in grado di annullare completamente i deficit cognitivi (perdita di memoria) e le alterazioni elettrofisiologiche caratteristiche della malattia (mal funzionamento dei neuroni dell’ippocampo) – conclude la ricercatrice – senza effetti collaterali rilevanti». (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!