Tessuti cerebrali contenenti ri…

[caption id="attachment…

CNR: nuovo algoritmo identifica …

Lo studio è stato pubblic…

Nanoparticelle d'oro contro il m…

Microsfere in oro zecchin…

Morte neuronale: individuata la …

Si chiama chemochina CXCL…

Infezioni batteriche estive, pos…

La flora batterica intest…

Alcol e malessere del giorno dop…

Molte bevande alcoliche c…

Creatività e psicosi condividono…

[caption id="attachment_1…

Le mandorle e il loro benefico r…

[caption id="attachment_8…

Immunodeficienze primitive diagn…

Solo la diagnosi precoce …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aterosclerosi: ormone bersaglio delle terapie per contrastarla

L’epcidina, ormone che regola i livelli di ferro nell’organismo, potrebbe essere un bersaglio delle terapie contro l’aterosclerosi.

A suggerirlo e’ uno studio presentato all’American Heart Association di Orlando (Stati Uniti) da Aloke Finn e Omar Saeed, ricercatori dell’Emory University School of Medicine (Atalanta, Usa). Esperimenti condotti sugli animali hanno dimostrato di poter ridurre la produzione di epcidina, causa un calo del ferro presente nei globuli bianchi a livello delle placche aterosclerotiche. Questo meccanismo promuove la rimozione del colesterolo responsabile dell’aterosclerosi.


Inoltre, ha spiegato Finn, l’emoglobina – la proteina del sangue che contiene ferro – induce i globuli bianchi ad aumentare la produzione delle proteine che eliminano colesterolo e ferro, contrastando l’infiammazione che puo’ essere aggravata da quest’ultimo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi