Chili di troppo che si ereditano…

I chili di troppo si ered…

Prima colazione: tutti gli strat…

"Prima colazione? Non ri…

Dolore cronico nei pazienti anzi…

Tecniche di comunicazione…

Riserva ovarica e gene guardiano…

La sovraespressione del…

AIDS: nuovo approccio per combat…

Identificato il meccanis…

Stress ossidativo: Telethon svel…

Dalla ricerca Telethon su…

Autismo: stimolazione cerebrale …

La stimolazione cerebrale…

L'osservatorio Federsalus lancia…

Per gli abitanti del Bel …

Vitamina D3, cistatina e tumori …

[caption id="attachment_1…

Quando i bruciori allo stomaco n…

La pirosi frequente -…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aterosclerosi: ormone bersaglio delle terapie per contrastarla

L’epcidina, ormone che regola i livelli di ferro nell’organismo, potrebbe essere un bersaglio delle terapie contro l’aterosclerosi.

A suggerirlo e’ uno studio presentato all’American Heart Association di Orlando (Stati Uniti) da Aloke Finn e Omar Saeed, ricercatori dell’Emory University School of Medicine (Atalanta, Usa). Esperimenti condotti sugli animali hanno dimostrato di poter ridurre la produzione di epcidina, causa un calo del ferro presente nei globuli bianchi a livello delle placche aterosclerotiche. Questo meccanismo promuove la rimozione del colesterolo responsabile dell’aterosclerosi.


Inoltre, ha spiegato Finn, l’emoglobina – la proteina del sangue che contiene ferro – induce i globuli bianchi ad aumentare la produzione delle proteine che eliminano colesterolo e ferro, contrastando l’infiammazione che puo’ essere aggravata da quest’ultimo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi