Epilessia: i consigli della LICE…

Roma, 18 dicembre 201…

Rara malattia dermatologica: sco…

[caption id="attachment_8…

Doppia vita di una proteina tras…

Scoperta una proteina che…

Fumo: vizio, dipendenza e deside…

[caption id="attachment_7…

Influenza: preparare il sistema …

Milano, 2 settembre 2015.…

Sclerosi Multipla: basterà un pr…

Identificare la sclerosi…

Antidolorifico da banco efficace…

Una nuova meta-analisi pu…

Un esame della retina potrebbe r…

[caption id="attachment…

All'insonnia è legata la mortali…

La persistente mancanza d…

Bisfenolo A, esposizione fetale …

Il bisfenolo A aumenta il…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro alla vescica: bere molta acqua è un ottimo deterrente.

Bere molti liquidi, in particolare acqua, sembra essere un ottimo scudo per prevenire negli uomini il cancro alla vescica.

E’ quanto osservato da uno studio presentato alla decima conferenza internazionale sulle Frontiers in cancer prevention researchtenutasi a Boston. Jiachen Zhou, epidemiologo presso la Brown University, ha ipotizzato che i liquidi possano scovare e portare via potenziali cancerogeni prima che abbiano la possibilità di causare danni ai tessuti e alla lunga «innescare» la trasformazione delle cellule da sane in cancerose.

STILE DI VITA – I ricercatori guidati da Zhou hanno valutato l’associazione tra assunzione di liquidi e il cancro alla vescica nei 47.909 partecipanti di sesso maschile all’Health professionals follow-up study durato 22 anni. Tutti medici e operatori sanitari di sesso maschile di età compresa tra i 40 e i 75 anni al momento dell’avvio diHpfs nel 1986. I partecipanti hanno risposto a questionari periodici su abitudini e stili di vita e controllati dal punto di vista clinico. Tra le domande, ripetute ogni quattro anni, c’erano quelle relative all’assunzione di liquidi. I ricercatori hanno trovato una relazione tra un’alta assunzione giornaliera di liquidi e un rischio ridotto di cancro alla vescica. In particolare chi beveva più di 2.531 millilitri al giorno ha presentato negli ultimi dieci anni un’incidenza del tumore inferiore del 24 per cento rispetto a chi beveva poco o comunque una quantità di liquidi inferiore. Analisi dettagliate hanno rivelato che l’associazione era più forte tra gli uomini più giovani.


I ricercatori hanno anche osservato che gli uomini bevevano meno liquidi, soprattutto acqua, invecchiando. Zhou ha concluso che, senza generalizzare il discorso, sarebbe opportuno che i medici raccomandassero sempre ai loro assistiti di bere molti liquidi. Meglio se acqua. Lo studio è stato finanziato dal National Institutes of health.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi