La pillola magnetica 'comandata'

Guidare una pillola là do…

Infarto: dal pesce zebra esempio…

Riprendersi da un attacco…

Epatocarcinoma: la sinergia di p…

L’epatocarcinoma è una pa…

Teva: 6 siti produttivi e progra…

“The Italian-Israeli Bu…

Interpretare e guarire il dolore…

Gli specialisti apprender…

Ictus: moto, anche moderato, ne …

L'attivita' fisica ab…

Diabete: dolcificanti artificial…

Il consumo di dolcifican…

La settimana Mondiale del Cervel…

“Neurologia e donna” uno …

Cellule staminali: in arrivo una…

Nuovi farmaci, frutto del…

Radioterapia: piccole dosi in gr…

Grazie a una sperimentazi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Denti e gengive sani proteggono l’apparato cardiovascolare

Denti puliti non sono solo sinonimo di alito fresco, ma anche di cuore sano. A suggerirlo sono due ricerche presentate all’American Heart Association’s Scientific Sessions 2011 di Orlando (Stati Uniti).

Secondo Emily Chen e Hsin-Bang Leu del Veterans General Hospital di Taipei (Taiwan) chi effettua almeno una pulizia dentale all’anno è più protetto nei confronti delle malattie cardiache e dell’ictus. D’altra parte, Anders Holmlund del Centre for Research and Development of the County Council of Gävleborg (Svezia) ha scoperto che la parodontite – infiammazione delle gengive che può portare alla perdita dei denti – è associata al rischio di infarto.

Lo studio di Chen e Leu ha coinvolto più di 100.000 persone dimostrando che chi effettua di frequente un’accurata pulizia dei denti ha un rischio di infarto e di ictus inferiore, rispettivamente, del 24 e del 13%. La ricerca svedese ha, invece, esaminato 7.999 individui affetti da parodontite, svelando che un numero più elevato di tasche parodontali profonde – gli spazi tra denti e gengive in cui proliferano i batteri – aumenta del 53% il rischio di infarto. Allo stesso modo, la probabilità di un attacco di cuore aumenta del 69% in chi ha meno di 21 denti e un numero ridotto di questi ultimi aumenta di 2,5 volte il rischio di scompenso cardiaco. Infine, chi soffre spesso di sanguinamenti gengivali ha un rischio di ictus 2,1 volte superiore. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi