Dal liquido amniotico prelevare …

[caption id="attachme…

Boehringer Ingelheim ha sottomes…

• La prima sottomiss…

Ftalati in età pediatrica respon…

L'esposizione a sostanze …

Termites' digestive system could…

One of the peskiest h…

Dall'ormone della fame un aiuto …

Scoperta una nuova via me…

Herpes zoster: studi lo consider…

[caption id="attachme…

Glioblastoma: studio del CNR spi…

È un tumore cerebrale che…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Pillole con estradiolo naturale:…

Contraccezione orale su m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fibromialgia: terapia psicologica allevia dolori

Un intervento psicologico riduce la disabilita’ e la depressione negli adolescenti con fibromialgia. La terapia cognitivo-comportamentale e’ un trattamento sicuro ed efficace per la fibromialgia giovanile.

Si tratta della CBT, la terapia cognitivo-comportamentale che riduce la disabilita’ funzionale e i sintomi depressivi negli adolescenti con fibromialgia giovanile. L’intervento psicologico si e’ rivelato sicuro ed efficace. I risultati completi dello studio della Divisione di Medicina Comportamentale e Psicologia Clinica dell’Ospedale dei bambini di Cincinnati in Ohio sono stati pubblicati sulla rivista Arthritis & Rheumatism dell’American College of Rheumatology (ACR). La sindrome di fibromialgia colpisce dal 2 al 7 per cento dei bambini in eta’ scolare. La malattia provoca dolore diffuso ai muscoli e alle ossa, affaticamento, disturbi del sonno e dell’umore.

Partendo dalla premessa che i giovani pazienti con fibromialgia sono appesantiti oltre che dai sintomi della malattia, anche da una imponente disabilita’ sociale ed emotiva. Gli studiosi hanno reclutato 114 adolescenti di eta’ compresa tra gli 11 e i 18 anni con diagnosi di fibromialgia giovanile per uno studio condotto in quattro centri di reumatologia pediatrica tra il 2005 e il 2009. Alcuni pazienti sono stati sottoposti a terapia cognitivo-comportamentale e altri alla sola educazione terapeutica. I partecipanti sottoposti lla terapia cognitivo-comportamentale, hanno riportato una riduzione significativamente maggiore nella disabilita’ funzionale rispetto a quelli trattati esclusivamente con gli esercici contro la fibromalgia: un miglioramento del 37 per cento della disabilita’ contro il 12 per cento, in particolare riguardo all’abbattimento dei sintomi depressivi che avevano un riscontro positivo anche sul dolore .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!