La rete europea LeukemiaNet agev…

I ricercatori europei con…

Premio Galeno 2009 per la prima …

Raltegravir, farmaco anti…

AIDS: cure immediate guariscono …

Un nuovo eccezionale colp…

Tumori: particolare proprietà de…

Alcuni ricercatori del Fr…

Piorrea: studi e scoperte verso …

La struttura e il meccani…

Paralisi facciale: le emicranie …

L'emicrania puo' raddoppi…

Seni "rifatti" under 18 adesso p…

Mai più "ritocchini" al s…

Ulcera gastrica curata con le na…

Un paziente con una grave…

'Il Pillolo', contraccettivo mas…

Dopo anni di sperimentazi…

Fibrosi cistica: malattia geneti…

La lotta alla fibrosi cis…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La “sesta base” del DNA e le specifiche mansioni sulle staminali e sulle cellule del cervello

Quella che è stata battezzata “sesta base” del DNA, una modificazione della citosina, sembra disporre di funzioni specifiche nelle cellule staminali e nel cervello.

Nel 2009, l’alfabeto del DNA si era ampliato, grazie alla scoperta che in alcune cellule si presenta con elevata frequenza un “sesto nucleotide”, la 5-idrossimetilcitosina o 5-hmC. Ora, grazie a uno studio condotto da ricercatori della Emory University School of Medicine, dell’Università di Chicago e dell’Università del Wisconsin a Madison, questo soprannome – considerato da molti alquanto enfatico, dato che al pari della metilcitosina (la “quinta base”) non è altro che una modificazione della classica citosina – appare decisamente molto meno immeritato.

 

“I nostri dati ci dicono che 5-hmC non è semplicemente uno stato intermedio”, osserva Peng Jin, che ha diretto la ricerca e firma con i collaboratori un articolo su Nature Neuroscience. “Sembra che disponga di funzioni specifiche nelle cellule staminali e nel cervello. 5-hmC può riattivare un gene dopo che è stato silenziato.”

La 5- hmC è una modificazione epigenetica della citosina, una delle quattro basi o “lettere” che compongono il DNA. Le modificazioni epigenetiche sono cambiamenti che influiscono sul modo in cui vengono attivati o meno i geni, ma non fanno parte della sequenza di DNA sottostante. La 5-hmC somiglia a un’altra base modificata del DNA, la metilcitosina (5-mC), che gli scienziati hanno studiato per decenni senza riuscire a comprendere la differenza tra le due forme.

 

In particolare la 5-hmC sembra essere molto più presente nei geni attivi, e in particolare in quelli attivi nel cervello e nelle staminali. La 5-mC invece è più frequente in geni “spenti” o nelle parti ripetitive non codificanti del genoma.

 

I ricercatori hanno anche scoperto una relativa carenza di 5-hmC sui cromosomi X, sia nei maschi che nelle femmine, un risultato che, dice Jin, è sorprendente dato che per quanto se ne sapeva, il cromosoma X è soggetto a una gestione “particolare” solo nelle femmine: i maschi hanno un solo cromosoma X e le femmine due, uno dei quali viene inattivato.

 

Jin e collaboratori hanno ora iniziato a mappare i cambiamenti nella distribuzione della 5-HMC nei disturbi neurologici, tra cui la sindrome di Rett e l’autismo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi