Tessuto epatico ricreato artific…

[caption id="attachment_…

Test universitario USA migliora …

Una ricerca americana ha …

Sindrome di Meniere: nasce l'ass…

Crisi di vertigini con al…

Campagna rottamazione biberon al…

Fai la cosa giusta: al vi…

Dieta mediterranea: toccasana pe…

Altro che Viagra. Pesce, …

IPERTENSIONE: PREMIO INTERNAZION…

PRESTIGIOSO PREMIO DELLA …

Grazie a finanziamenti dall'UE p…

Alcuni ricercatori, parzi…

I batteri intestinali sintetizza…

Il cancro al colon-retto …

Considerati eccessivi e numerosi…

ORLANDO – Si muore sempre…

Selezione embrionale per preveni…

Sviluppato da un'équipe d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanomedicina anticancro: al via il progetto

“Multidisciplinarieta’, nanotecnologie, nanomedicina”. Con queste parole chiave il direttore dell’Istituto dei materiali per l’elettronica e il magnetismo (Imem) del Cnr, Salvatore Iannotta, ha presentato il progetto ‘Bionimed’ (Nanosistemi ibridi multifunzionali innovativi per applicazioni biomediche’), condotto dall’Imem in collaborazione con altre realta’ di ricerca nazionali.

Il progetto, cofinanziato dalla Fondazione Cariparma, riguarda lo sviluppo di nanosistemi ibridi innovativi opportunamente funzionalizzati per il trattamento selettivo delle cellule malate in tumori solidi profondi. “L’idea sviluppata e’ finalizzata al superamento di alcuni degli attuali limiti nel settore”, ha spiegato Giancarlo Salviati dell’Istituto Cnr, coordinatore del progetto.

“Un forte elemento di innovazione consiste nell’implementazione delle diverse funzionalita’ in un unico nanosistema opportunamente ingegnerizzato. Il ruolo della componente medica sara’ determinante per valutarne la biocompatibilita’ e le modalita’ di attivazione controllata della tossicita'”. ‘Bionimed’ vede coinvolte cinque istituzioni: oltre al Cnr, la sezione di oncologia sperimentale del dipartimento di Medicina sperimentale dell’Universita’ di Parma (Pier Giorgio Petronini), il Centro di eccellenza per la ricerca tossicologica dell’Inail (Antonio Mutti), il Dipartimento di chimica organica e industriale dell’Universita’ di Parma (Franca Bigi) e la facolta’ di Veterinaria dello stesso ateneo (Antonio Cacchioli). Il gruppo sara’ affiancato da numerosi giovani ricercatori a contratto. “Il supporto della Fondazione Cariparma e’ fondamentale anche per la promozione della nostra citta’, tra le protagoniste nel campo emergente della nano medicina, soprattutto nella direzione delle terapie anti tumorali, un importante settore il cui sviluppo e’ attualmente in rapidissima evoluzione a livello internazionale”, ha concluso Iannotta.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!