Gravidanza: nuovo test del sangu…

Sara' maschio o femmina? …

Schizofrenia: scoperto altro gen…

Le drammatiche e notevoli…

Fibrillazione atriale: scoperto …

[caption id="attachment_6…

Cellule tumorali: studio indica …

[caption id="attachment_8…

L'ipertensione aumenta rischio s…

L'ipertensione e' associa…

Una nuova tecnica di sonda fluor…

[caption id="attachme…

Bioscienze: in Europa si svilupp…

Elaborare dati di bioimag…

Incidenti domestici: tra le prim…

Stress e scarsa conoscenz…

Alzheimer: nuove scoperte per pr…

E' appena stato pubblica…

Diabete e depressione: come si '…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ottenuta albumina umana da chicchi di riso

Un team di ricercatori cinesi, canadesi e americani sono riusciti a produrre dal chicco di riso una proteina del tutto equivalente all’albumina umana, finora estratta dal plasma e impiegata per trattare ustioni e malattie del fegato La proteina derivata dal riso e’ “fisicamente e chimicamente equivalente all’albumina derivata dal sangue (Hsa)”, si legge nella ricerca pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences.  La scoperta potrebbe condurre ad un enorme balzo in avanti nella produzione di albumina, che finora viene estratta dal sangue prelevato ai donatori, con il conseguente rischio seppur latente di possibile contagio da Hiv e epatite. La domanda globale di albumina e’ di 500 tonnellate l’anno.


Il sistema e’ stato messo a punto dai ricercatori cinesi della Wuhan University in collaborazione con i colleghi del National Research Council of Canada e del Center for Functional Genomics della Albany University nello Stato di in New York. La procedura prevede la modifica genetica dei chicchi di riso per produrre alti livelli di albumina, che poi vengono raffinati fino ad ottenere 2,75g di Hsa per ogni kg di riso L’albumina cosi’ ottenuta’ e’ stata testata su delle cavie in cui era stata indotta la cirrosi epatica, una malattia del fegato trattata abitualmente con la proteina umana, e non e’ stata rilevata alcuna differenza al termine del trattamento. Ora saranno necessari altri test su cavie e poi su essere umani prima di impiegare su vasta scala la ‘riso-albumina’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi