Torna la bandiera verde dei pedi…

Acqua pulita e bassa vici…

Test pre-impianto per sconfigger…

Nascera' tra due mesi…

Staminali adulte in soccorso del…

[caption id="attachment_8…

Neurofibromatosi: passi avanti n…

Un team di ricercatori pr…

Pillole di "cioccolato" si compo…

Tutto pronto per un 'dolc…

Sclerosi: studio su meccanismo d…

I ricercatori del San Raf…

Screening genetico per ovociti e…

[caption id="attachment_9…

Fecondazione eterologa: il Minis…

"Ho mandato ai capigruppo…

Obesità nei giovani: nei ragazzi…

I ragazzi obesi con part…

Preeclampsia: il meccanismo scat…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ottenuta albumina umana da chicchi di riso

Un team di ricercatori cinesi, canadesi e americani sono riusciti a produrre dal chicco di riso una proteina del tutto equivalente all’albumina umana, finora estratta dal plasma e impiegata per trattare ustioni e malattie del fegato La proteina derivata dal riso e’ “fisicamente e chimicamente equivalente all’albumina derivata dal sangue (Hsa)”, si legge nella ricerca pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences.  La scoperta potrebbe condurre ad un enorme balzo in avanti nella produzione di albumina, che finora viene estratta dal sangue prelevato ai donatori, con il conseguente rischio seppur latente di possibile contagio da Hiv e epatite. La domanda globale di albumina e’ di 500 tonnellate l’anno.


Il sistema e’ stato messo a punto dai ricercatori cinesi della Wuhan University in collaborazione con i colleghi del National Research Council of Canada e del Center for Functional Genomics della Albany University nello Stato di in New York. La procedura prevede la modifica genetica dei chicchi di riso per produrre alti livelli di albumina, che poi vengono raffinati fino ad ottenere 2,75g di Hsa per ogni kg di riso L’albumina cosi’ ottenuta’ e’ stata testata su delle cavie in cui era stata indotta la cirrosi epatica, una malattia del fegato trattata abitualmente con la proteina umana, e non e’ stata rilevata alcuna differenza al termine del trattamento. Ora saranno necessari altri test su cavie e poi su essere umani prima di impiegare su vasta scala la ‘riso-albumina’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!