Dal liquido amniotico prelevare …

[caption id="attachme…

Boehringer Ingelheim ha sottomes…

• La prima sottomiss…

Ftalati in età pediatrica respon…

L'esposizione a sostanze …

Termites' digestive system could…

One of the peskiest h…

Dall'ormone della fame un aiuto …

Scoperta una nuova via me…

Herpes zoster: studi lo consider…

[caption id="attachme…

Glioblastoma: studio del CNR spi…

È un tumore cerebrale che…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Pillole con estradiolo naturale:…

Contraccezione orale su m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

RNA soccorre le cellule in crisi, ecco la ricerca Telethon

(Adnkronos Salute) – Di fronte a mutamenti improvvisi dettati da stimoli ambientali e stati di stress le cellule devono prendere decisioni rapide. Così, in caso di ‘crisi’ (cambiamento), devono poter adattare il proprio normale programma genetico ‘frenando’ la potenza delle loro macchine, come navi che devono improvvisamente virare. Le cellule , quindi, rispondono alle crisi modulando direttamente l’attività dei geni grazie all’interferenza a Rna, meccanismo molto conservato a livello evolutivo.


A scoprire per la prima volta come tutto questo avvenga su scala globale nel genoma è Valerio Orlando, ricercatore dell’Istituto Telethon Dulbecco che lavora all’Irccs Fondazione Santa Lucia di Roma. Lo studio, finanziato da Telethon e Airc, con il contributo del ministero Affari esteri (Progetti di grande rilevanza Italia-Giappone), è pubblicato su Nature. L’Rna (acido ribonucleico) è una molecola simile al Dna che svolge numerosi compiti nella cellula, tra cui quello di messaggero: la cellula produce, a partire dal Dna, filamenti di Rna che fanno da ‘stampo’ per la traduzione in proteine. L’interferenza a Rna è un meccanismo comune a quasi tutti gli organismi viventi,che si è evoluto innanzitutto per proteggere le cellule dai virus, fonte principale di Rna estranei. La cellula riconosce queste molecole come estranee, si allerta e le riduce in pezzi più piccoli per eliminarle, evitando così che vengano prodotte proteine virali.

Nel corso dell’evoluzione questo meccanismo è stato adottato anche per reprimere la produzione di proteine cellulari non necessarie in un determinato momento. Recentemente si è scoperto che, al contrario di quanto si pensava, solo il 5% del genoma produce informazioni successivamente tradotte in proteine. Lo studio di questi meccanismi è importante per capire non solo come una cellula acquisisce le sue caratteristiche peculiari, ma anche come la perdita di questa identità possa tradursi in malattia
“Fino a oggi si pensava che la regolazione dei livelli di Rna e quindi di proteine avvenisse nel citoplasma, il compartimento cellulare in cui l’Rna messaggero è convertito in proteine”, spiega Orlando. “Nello studio abbiamo dimostrato per la prima volta che questo avviene anche nel nucleo, dove risiede il Dna: si tratta di un ‘piano globale’ di regolazione genica completamente nuovo, inseguito da tempo da ricercatori di tutto il mondo. Secondo questo piano, in caso di ‘crisi’ – cambiamenti improvvisi di temperatura e di nutrienti disponibili, oppure modifiche nel corso dello sviluppo – la cellula sfrutta i macchinari che producono i piccoli Rna all’interno del nucleo per inibire direttamente la produzione di Rna alla fonte e adattarsi così alle condizioni ambientali”.
“I nostri risultati, ottenuti studiando cellule del moscerino della frutta, sono di grande interesse”, spiega Davide Corona, ricercatore Telethon dell’Università di Palermo che ha preso parte allo studio: “nel caso di malattie dovute all’eccessiva o alla ridotta produzione di determinate proteine, infatti, questi piccoli Rna nucleari potrebbero essere usati per modulare l’espressione dei geni in maniera stabile, regolando la quantità di proteina prodotta, senza necessariamente intervenire sul difetto genetico responsabile della patologia”.
Per andare a fondo su questo ruolo inedito dei piccoli Rna, i ricercatori sono ora al lavoro per comprendere nel dettaglio il loro meccanismo di azione anche in cellule umane. “La scoperta di questo meccanismo – conclude Orlando – rappresenta un passo fondamentale per capire come piccoli Rna possano essere utilizzati a scopo terapeutico operando sul livello epigenetico anziché genetico”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!