Malattie cardiovascolari prima c…

[caption id="attachment_8…

Sordita': danno ossidativo causa…

La perdita dell'udito che…

Favismo: ricerca Telethon trova …

Un sorprendente link gene…

L'epilessia non è una malattia p…

35° Congresso LICE – Lega…

Calcoli renali: abuso di bevande…

Bere bibite gassate e…

#Gyneconetmeeting: Quello che le…

Auditorium Fidia Farmaceu…

Progesterone in gel: rischio di …

I risultati di uno studio…

"Stum", il gene che ci regala la…

Il suo nome viene da "stu…

Tumori: la caffeina alleata dell…

Le creme solari del futur…

FIMP - Dermatite atopica in età …

La FIMP: “C’è bisogno di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al seno: avere casi in famiglia non discrimina il grado di rischio

Avere in famiglia casi di mutazioni genetiche ereditarie correlate all’insorgenza del cancro al seno non implica automaticamente un rischio piu’ elevato di sviluppare il carcinoma mammario.

La scoperta puo’ tranquillizzare le donne appartenenti a famiglie ad alto rischio, dopo che nel 2007 uno studio aveva rivelato che avere un parente con la mutazione BRCA1 o BRCA2 era sufficiente ad aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno anche nelle pazienti risultate negative ai test su tali geni.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x