Dolomiti: scienziati finalmente …

Da tanti anni gli scienzi…

Ictus: sintomi non riconosciuti …

[caption id="attachment_7…

Virus influenzali: il cane potre…

Il migliore amico dell'uo…

Fibre muscolari in laboratorio, …

Ricreate in laboratorio f…

Fibrillazione atriale: antidolor…

L'uso degli antidolorifi…

Distrofia: scoperto un interrutt…

Terapie per la distrofia,…

Terapia del Dolore: presentato a…

Oltre 16 mila prestazioni…

Cellule staminali: messo a punto…

E' possibile manipolare i…

Leucemia linfoblastica acuta nel…

[caption id="attachme…

Un farmaco che attivi cellule bu…

Studio di un ricercatore …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al seno: avere casi in famiglia non discrimina il grado di rischio

Avere in famiglia casi di mutazioni genetiche ereditarie correlate all’insorgenza del cancro al seno non implica automaticamente un rischio piu’ elevato di sviluppare il carcinoma mammario.

La scoperta puo’ tranquillizzare le donne appartenenti a famiglie ad alto rischio, dopo che nel 2007 uno studio aveva rivelato che avere un parente con la mutazione BRCA1 o BRCA2 era sufficiente ad aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno anche nelle pazienti risultate negative ai test su tali geni.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x