Cancro al pancreas: cause ascrit…

Un gruppo di ricercatori …

Il record delle mutazioni nel DN…

Solo 15 sigarette per una…

Virus influenzale: importante sa…

Milano, 13 settembre 2016…

Integratori di Selenio: non abus…

Anche se l'aggiunta di se…

Nuove strategie terapeutiche ant…

Abbasanta (OR), 13 aprile…

B.E.M.S.® Genitorialità e Sclero…

Prende il via oggi a Mila…

Modello cuore in 3D aiuta a capi…

Sviluppato un modello tri…

Sedano e prezzemolo possono arre…

Una sostanza contenuta ne…

Bipolarismo: scoperta l'implicaz…

Piccole variazioni in alc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al seno: avere casi in famiglia non discrimina il grado di rischio

Avere in famiglia casi di mutazioni genetiche ereditarie correlate all’insorgenza del cancro al seno non implica automaticamente un rischio piu’ elevato di sviluppare il carcinoma mammario.

La scoperta puo’ tranquillizzare le donne appartenenti a famiglie ad alto rischio, dopo che nel 2007 uno studio aveva rivelato che avere un parente con la mutazione BRCA1 o BRCA2 era sufficiente ad aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno anche nelle pazienti risultate negative ai test su tali geni.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi