Cnr fa crescere le staminali con…

[caption id="attachment_1…

Alzheimer: si blocca con impulsi…

Lo sviluppo dell'Alzheime…

Botox, spesso motivo di depressi…

Lo studio dell'Universi…

Verso vaccini unici per uomini e…

[caption id="attachme…

Scoperto gene ripara-muscoli

Un nuovo gene utile alla …

Tumore alla prostata: a Saviglia…

[caption id="attachment_6…

Cellule staminali: approvata pri…

Per la prima volta una te…

Leucemia mielogena acuta: la fir…

[caption id="attachment_1…

La scoperta italiana che correla…

[caption id="attachment_5…

Risultati di studio di fase III …

I dati mostrano che l’ini…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al seno: avere casi in famiglia non discrimina il grado di rischio

Avere in famiglia casi di mutazioni genetiche ereditarie correlate all’insorgenza del cancro al seno non implica automaticamente un rischio piu’ elevato di sviluppare il carcinoma mammario.

La scoperta puo’ tranquillizzare le donne appartenenti a famiglie ad alto rischio, dopo che nel 2007 uno studio aveva rivelato che avere un parente con la mutazione BRCA1 o BRCA2 era sufficiente ad aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno anche nelle pazienti risultate negative ai test su tali geni.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi