Ricerca biomedica, un “passaggio…

Tra le oltre 300 squadre …

La seconda vita di Sildenafil: m…

Dopo il lancio di Sildena…

Chip terapeutici, che si dissolv…

Costruiti con componenti …

Sclerosi Multipla: l'Ist. Besta …

Per coinvolgere le person…

Cellule staminali prelevate dal …

Preziose cellule stamin…

Antidolorifico non oppiaceo estr…

La rivista Nature Chemist…

Melanoma "immunoscore", tecnica …

La lotta al melanoma pass…

Diabete Tipo 2: parere positivo …

Parere positivo per empag…

Tumori: scoperto gene promoter d…

Alcuni scienziati dell'…

Cancro: l'infiammazione cronica …

Esiste una correlazione t…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al seno: avere casi in famiglia non discrimina il grado di rischio

Avere in famiglia casi di mutazioni genetiche ereditarie correlate all’insorgenza del cancro al seno non implica automaticamente un rischio piu’ elevato di sviluppare il carcinoma mammario.

La scoperta puo’ tranquillizzare le donne appartenenti a famiglie ad alto rischio, dopo che nel 2007 uno studio aveva rivelato che avere un parente con la mutazione BRCA1 o BRCA2 era sufficiente ad aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno anche nelle pazienti risultate negative ai test su tali geni.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!