Medicina: al via la campagna naz…

Lotta al dolore: al via u…

Osteoartrite: isolata la protein…

L'osteoartrite, malatti…

La preservazione della fertilita…

PRESERVAZIONE DELLA FERTI…

Parkinson: la formazione di fibr…

Scoperto il modo in cui i…

[AME]Carcinoma tiroideo: consoli…

Negli ultimi dieci anni s…

Ebola: l'OMS ha scelto il vaccin…

Autorizzato a tempo recor…

Malattie cardiache: prima causa …

"Sorpasso" delle malattie…

Morbo di Parkinson: scoperta pro…

Scoperta la proteina-sent…

Test genetici fai-da-te: poco af…

Tendono a dare un'indicaz…

Per combattere le micosi cutanee…

Al via una campagna edu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al seno: avere casi in famiglia non discrimina il grado di rischio

Avere in famiglia casi di mutazioni genetiche ereditarie correlate all’insorgenza del cancro al seno non implica automaticamente un rischio piu’ elevato di sviluppare il carcinoma mammario.

La scoperta puo’ tranquillizzare le donne appartenenti a famiglie ad alto rischio, dopo che nel 2007 uno studio aveva rivelato che avere un parente con la mutazione BRCA1 o BRCA2 era sufficiente ad aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno anche nelle pazienti risultate negative ai test su tali geni.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!