Alzheimer: ricerca preliminare d…

Il litio, una sostanza co…

L'FDA inizia le valutazioni dell…

[caption id="attachment_8…

Il testosterone ci rende più one…

Il testosterone è respons…

Una scoperta avvicina ad un vacc…

[caption id="attachment_5…

Nasce FarmacistaPiù, l’assise an…

Roma, 17 dicembre 2013 - …

Morbo di Crohn: duecento mila it…

Sono 200 mila gli italian…

Correlazione tra schizofrenia e …

La schizofrenia è una mal…

Biovetro per riparare le ossa

Le ossa hanno una sorpr…

Stipsi Cronica: il primo riferim…

Focus sulla patologia i…

Flora intestinale: il futuro la …

Il futuro della corretta …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artroplastica: decorso post-operatorio preferito con terapia acquatica

Nonostante il crescente ricorso a interventi come l’artroplastica totale dell’anca (THA) e l’artroplastica totale del ginocchio (PTG), non si e’ ancora raggiunto un’opinione condivisa sul trattamento ottimale postoperatorio. La terapia acquatica, tra le altre.

e’ quella che ha dimostrato di avere un effetto benefico, ed e’ generalmente iniziata due settimane dopo l’intervento chirurgico, a ferita guarita. Secondo un nuovo studio pubblicato sugli Archives of Physical Medicine and Rehabilitation la terapia acquatica dovrebbe essere avviata gia’ 6 giorni dopo la PTG per produrre risultati migliori, mentre dovrebbe essere avviata una settimana piu’ tardi nel caso di PTA.

“Questo studio dimostra che i tempi delle fisioterapie, come la terapia acquatica, hanno effetti clinicamente rilevanti dopo PTG”, ha detto Thoralf Liebs R., ricercatore presso il Dipartimento di Chirurgia Ortopedica dell’Universita’ di Schleswig-Holstein di Kiel, in Germania.
“Il nostro e’ uno dei pochi studi che dimostrano un effetto clinicamente rilevante sulla qualita’ della vita dopo PTG di un fattore che puo’ essere influenzato dal professionista sanitario. L’intervento e’ semplice da gestire e richiede un limitato impegno aggiuntivo del sanitario”. Nello studio alcuni pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la terapia acquatica con inizio o 6 giorni o 14 giorni dopo l’intervento. In entrambi i gruppi, la terapia e’ durata 30 minuti, tre volte alla settimana, fino alla quinta settimana post-operatoria. La funzione fisica, il dolore e la rigidita’ sono stati valutati 3, 6, 12 e 24 mesi dopo la procedura. Dopo l’artroplastica dell’anca, tutte le misure a ogni follow-up sono risultate migliori nei pazienti che hanno iniziato la terapia acquatica dopo che la ferita era guarita. Al contrario, tutti i risultati medi sono stati migliori nel gruppo che ha iniziato la terapia 6 giorni dopo artroplastica del ginocchio. “THA ha un alto tasso di soddisfazione dei pazienti, e i pazienti riferiscono una migliore qualita’ della vita dopo la procedura. In questi casi interventi aggiuntivi, come l’inizio della terapia acquatica, non possono portare a un grosso miglioramento”, ha ipotizzato Liebs. “Dopo PTG, i pazienti sono meno soddisfatti, per cui l’intervento aggiuntivo ha un effetto maggiore”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi