Apnea notturna e Alzheimer: qual…

Un nuovo studio trova c…

Emofilia: FedEmo chiede la corre…

Proposta di correzione al…

Tubercolosi: nuovo vaccino effic…

È il risultato della prim…

Il cervello è in grado di produr…

Una proteina naturale…

Polipi colon: prevenzione con fi…

[caption id="attachment_2…

I livelli di ferro per il corret…

[caption id="attachment_8…

Dipendenza da internet è ufficia…

La dipendenza da Internet…

Aspirina, nuova promessa "questa…

L'aspirina offre una nuov…

La cataratta impedisce un corret…

Nei bambini la cataratta …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cuore riparato da staminali dopo un’ischemia: la base del futuro della cardiologia

Infuso a base di staminali cardiacheprelevate dal paziente e poi reintrodotte per riparare il cuore danneggiato dall’ischemia, dopo averle coltivate in laboratorio e “rinforzate”: secondo Roberto Bolli, Direttore della Divisione di Medicina Cardiovascolare dell’Università di Louisville (Kentucky, Usa), è questo il futuro della cardiologia.

Lo studioso ha presentato la ricerca statunitense “Infusione di cellule staminali cardiache in pazienti con cardiomiopatia ischemica” condotta in collaborazione con il Jewish Hospital dell’Università di Louisville e con il team di Piero Anversa del Brigham and Women’s Hospital di Boston al meeting Experimental Biology 2011.

Le staminali del paziente vengono prelevate e poi coltivate in laboratorio: procedimento che esclude quindi le problematiche legate al rigetto, spiega il ricercatore, perché le cellule riutilizzate per riparare il danno cardiaco appartengono al paziente stesso.

Durante la crescita in vitro le staminali vengono sottoposte a un trattamento “rinvigorente” a base di due enzimi, l’eme ossigenasi 1 (HO-1) e la sintasi ossido nitrica (NOS), i cui sottoprodotti sono due gas – monossido di carbonio (CO) e ossido nitrico (NO) – che avrebbero la capacità di aiutare le staminali a sopportare lo stress ossidativo e la carenza di ossigeno: “Quando il muscolo cardiaco muore a causa di un attacco di cuore questi due gas (CO e NO) sono estremamente cardioprotettivi e aiutano il tessuto a sopravvivere – spiega -. Stiamo applicando queste stesse proteine alle cellule staminali, utilizzando le conoscenze che abbiamo acquisito in 20 anni di ricerca nella cardioprotezione”. Dopo quattro mesi di trattamento in laboratorio le cellule staminali così “potenziate” vengono quindi rinfuse nel tessuto cardiaco danneggiato attraverso l’arteria femorale. (Salute – Il Sole)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!