Il meccanismo di sviluppo radica…

[caption id="attachment_7…

Concepimento: il ruolo dei ritmi…

Confermata l'evidenza di …

Tumori: virus Herpes simplex mod…

[caption id="attachment_8…

Sleepsex: sono gli italiani i pr…

Nonostante siano piu' com…

Nuovo test genetico per diagnosi…

Un nuovo test genetico ri…

Emicrania: scatoletta a impulsi …

[caption id="attachment_6…

Giornata di sensibilizzazione co…

Ne soffrono circa 1.500.0…

Gomito del tennista: iniezioni i…

Trovato finalmente un rim…

Le sorprese del primo genoma di …

[caption id="attachment_7…

Il carbone attivo aiuta il cuore…

Il carbone attivo allevi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stress: trovate le molecole responsabili, neurosteroidi che agiscono direttamente sul cervello

La risposta fisiologica allo stress dipende dai neurosteroidi, molecole che interagiscono con specifici recettori cerebrali.

Lo hanno dimostrato i ricercatori della Tufts University (Boston, Usa), che sono riusciti a bloccare questo meccanismo nei topi, inibendo il comportamento ansioso associato. Secondo gli autori della ricerca, pubblicata dal Journal of Neuroscience, la scoperta potrebbe aprire la strada a nuovi approcci per il trattamento di una serie di disturbi neurologici associati allo stress.

“Abbiamo identificato un nuovo meccanismo che regola la risposta dell’organismo allo stress stabilendo che i neurosteroidi sono indispensabili per organizzare la risposta allo stress – spiega Jamie Maguire, coordinatore della ricerca -. Inoltre siamo riusciti sia a bloccare completamente la risposta fisiologica allo stress, sia a prevenire l’ansia indotta dallo stress”.

I ricercatori hanno scoperto che la produzione degli ormoni dello stress da parte dei neuroni CRH (Corticotrophin Releasing Hormone) richiede l’interazione tra le neurotropine e alcuni recettori presenti su questi neuroni. Ciò consente l’aumento dei livelli ematici dell’ormone corticosterone, la cui produzione può essere ostacolata bloccando la sintesi dei neurosteroidi.

“Il nostro prossimo lavoro – conclude Maguire – sarà incentrato sulla modulazione di questi recettori per trattare disturbi associati allo stress, incluse epilessia e problematiche depressive”. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!