Vaccino antinfluenzale protegge …

Il vaccino per l'infl…

Stanchezza cronica: sempre meno …

[caption id="attachment_8…

B.E.M.S.® Lotta alla Sclerosi Mu…

L’attenzione al paziente …

Prostata: i postumi dei trattame…

[caption id="attachment_5…

Limite per l'utilizzo di sale tr…

Un nuovo studio pubblicat…

HIV: protocollo terapeutico in g…

La combinazione di farm…

Sinusite: arriva uno spray nasal…

A base di un estratto da …

Emergenza educativa. Pediatri SI…

Dieci errori da evitare…

Diabetici: si usano i vermi per …

Un nuovo trattamento co…

Epilessia e scoperta nuovo gene:…

Roma, 7 novembre 2012 - A…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori muscolari e delle ossa: trovate le chiavi muscolari

I ricercatori del Joslin Diabetes Center di Boston hanno scoperto alcune delle chiavi molecolari e genetiche per lo sviluppo dei sarcomi dei tessuti molli nel muscolo scheletrico, aprendo cosi’ nuove prospettive nella lotta a una tipologia di tumori spesso mortali.

Lo studio, pubblicato negli Acts della National Academy of Sciences, ha identificato due percorsi principali di segnalazione molecolare (la Ras e vie mTOR) comuni nella crescita e nello sviluppo di questo genere tumori. Queste vie molecolari regolano la crescita e la divisione cellulare, due proprieta’ cellulari il cui eccesso di attivazione rappresenta la caratteristica distintiva della biologia del cancro. “Negli esseri umani, alcuni sarcomi rispondono alla chemioterapia – ha spiegato l’autore dello studio Amy J. Wagers, docente di cellule staminali e biologia rigenerativa alla Harvard Medical School e al Joslin Diabetes Center – ma molti non lo fanno. Con questi risultati abbiamo fornito un nuovo elenco di destinazioni candidate la cui inibizione puo’ portare alla regressione di questi tumori”.

Molti sarcomi dei tessuti molli, che si sviluppano in alcuni tessuti come ossa e muscoli, sono dovuti� a specifiche mutazioni genetiche, il che puo’ consentire agli scienziati di sviluppare terapie piu’ mirate. Allo stato attuale, se diagnosticato in fase precoce, il tratta mento consiste in primo luogo nella rimozione chirurgica del tumore, quindi nella radioterapia e nella chemioterapia. Se il tumore invece e’ piu’ diffuso, puo’ essere controllato solo per un certo periodo di tempo ma il trattamento non riesce spesso a curare la malattia. In questo caso gli scienziati hanno generato cellule tumorali con cellule staminali. I tumori sviluppati nelle cellule muscolari sono stati dei rabdomiosarcomi, la forma piu’ comune di sarcoma dei tessuti molli nei bambini, mentre i tumori che si sono sviluppati da cellule non-muscolari hanno dato vita ad altri tipi di sarcoma. Questi esperimenti pre-clinici hanno lo scopo di individuare i candidati piu’ promettenti per il trattamento del sarcoma dei tessuti molli che alla fine sara’ perseguito nel corso degli studi clinici.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi