Spesa farmaceutica: non c’è equi…

Roma, 8 gennaio 2016 – “N…

Contraccettivi ormonali ma non o…

Contraccettivi ormonali n…

Un corso ECM FAD perché il farma…

Roma, 4 novembre 2014- E’…

Ebola: anticorpo sviluppato in l…

Scoperta una proteina rec…

Scoperta funzione antitumorale d…

Scoperta funzione antitum…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Equivalenti leva fondamentale pe…

La relazione annuale dell…

Il segreto della resistenza dell…

Secondo lo studio, sarebb…

Insufficienza pancreatica esocri…

[caption id="attachment_7…

Le centraline energetiche delle …

Nuove prove speriment…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Una dieta ipocalorica per mantenere le ossa sane

La ricetta per una buona salute delle ossa e’ piu’ proteine e meno carboidrati. Una nuova ricerca, pubblicata sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, ha evidenziato che una dieta ipocalorica con un piu’ alto contenuto di proteine – per lo piu’ derivanti dall’assunzione di latticini – unita all’esercizio quotidiano, ha un impatto significativo sulla salute delle ossa nelle donne giovani in sovrappeso e in quelle obese.

Lo studio e’ stato condotto per 16 settimane su tre gruppi di donne obese e in sovrappeso, ma senza altre patologie e in premenopausa, combinando un’alimentazione a base di latticini e un esercizio fisico aerobico abbinato a due cicli di sollevamento pesi. “I nostri risultati dimostrano l’importanza della composizione della dieta per mantenere la salute delle ossa ed evitare danni accelerati durante la perdita di peso – ha spiegato l’autore dello studio Andrea Josse, del Dipartimento di Kinesiology della McMaster University – grazie all’assunzione di proteine da latticini”.

Un precedente studio dello stesso team di ricercatori aveva mostrato che tra gli stessi soggetti sottoposti a diete diverse esiste corrispondenza nella perdita di peso ma non negli effetti: chi assume una grande quantita’ di proteine infatti ha una maggiore perdita di grassi e una minore rispetto alla massa magra, un aumento dei livelli di vitamina D e una diminuzione dei livelli dell’ormone paratiroideo che, se elevato, e’ generalmente associato a una perdita ossea. Gli effetti sono benefici anche a lungo termine, con una diminuzione del rischio di malattie in eta’ avanzata come l’osteoporosi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!