Sclerosi Multipla: attesi i risu…

La ricerca sulla sclerosi…

Diabete: arriva l'ormone insulin…

Insulina in polvere da …

Dolore oncologico: serve piu' in…

Presentata un’indagine Do…

La sensibilita' al dolce grazie …

[caption id="attachment_7…

Caffe': ottimo alleato del fegat…

[caption id="attachment…

Elisir di lunga vita? Alimentazi…

Nessun ingrediente miraco…

La risposta dell'insulina e la s…

Vivere contro l'orologio …

una nuova emergenza pediatrica: …

Caserta, 15 settembre 201…

Gli italiani non amano le aziend…

La prima indagine sulla r…

Con una nuova tecnica per arriva…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dolore da lesione spinale: un aiuto che arriva da una proteina

Una sola iniezione potrebbe alleviare il dolore della lesione spinale anche per otto mesi. Un team della Cleveland Clinic ha individuato una proteina con specifici e potenti effetti analgesici, la ‘fibronectina’.

La proteina esiste naturalmente nel corpo umano, e ha il compito di sostenere la crescita e la comunicazione dei neuroni nel cervello e nel midollo spinale. Attraverso prove su un modello animale, i ricercatori hanno trovato che un’iniezione di fibronectina nel midollo spinale attiva specifiche vie di segnalazione e si traduce in un freno degli effetti del dolore. “Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti dalla iniezione di fibronectina”, ha detto Ching-Lin Yi, ricercatore presso il Dipartimento di Neuroscienze della Cleveland Clinic Lerner Research Institute.

“Forse questa ricerca – ha aggiunto – puo’ rappresentare un segnale di cambiamento nella gestione del dolore dopo una lesione del midollo spinale”. Precedenti ricerche hanno gia’ mostrato che le lesioni del midollo spinale aumentano la permeabilita’ della barriera del sangue nel midollo, provocando cosi’ un dolore cronico a causa dell’esposizione del midollo spinale a cellule infiammatorie. Il dolore e’ un problema particolarmente importante dopo la lesione del midollo spinale in quanto il tipo di dolore che ne deriva dopo una lesione e’ considerata ancora piu’ debilitante rispetto alla stessa paralisi. I risultati sono stati pubblicati nel numero sul Journal of Neurotrauma e sono stati presentati al meeting annuale della Society of Neuroscience. Gli esatti meccanismi alla base della possibile connessione tra la fibronectina e il sollievo del dolore cronico non sono ancora chiari, ma in ogni caso i risultati mostrano che non solo fibronectina conserva l’integrita’ della barriera emato-spinale del midollo, ma che serve anche a sopprimere la risposta infiammatoria in modo significativo nell’arco di otto mesi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi