Impulsività e uso di droghe: sco…

Scoperto un collegamento …

Cellule staminali che diventano …

Uno studio pubblicato sul…

H5N1: identikit di un supervirus…

Pubblicato sulla rivista …

Sclerosi multipla: scatola elett…

E' stato pubblicato dalla…

Medici e pazienti uniti nel comb…

Dalla volontà di FIRE O…

Scienziati polacchi presentano i…

[caption id="attachment_1…

E' online il primo volume dell'A…

Milano, xx novembre 2012 …

Pistacchi efficaci contro iperte…

Un pugno di pistacchi all…

Obesità: terapia al testosterone…

La terapia di rimpiazzam…

L'equilibrio delicato della flor…

Un enzima utilizzato dall…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: stimolazione cerebrale profonda, metodo sicuro ed efficace.

Uno studio dimostra che la stimolazione cerebrale profonda, una tecnica chirurgica con la quale si impiantano nel cervello degli elettrodi a contatto con l’ipotalamo,  è un metodo sicuro ed efficace per trattare alcune forme di depressione.

La conferma arriva dall’Emory University School of Medicine (Usa) dove Helen S. Mayberge e colleghi hanno sperimentato i risultati della metodica del disturbo depressivo maggiore e nel disturbo bipolare non trattabili con i farmaci.

I disturbi dello spettro bipolare, talvolta indicati come psicosi maniaco-depressiva, sono caratterizzati da periodi di mania o ipomania alternati a episodi di depressione.

La stimolazione cerebrale profonda utilizza impulsi ad alta frequenza mirati in una zona specifica del cervello, quella legata al disturbo neuropsichiatrico da trattare. La ricerca è stata condotta su 17 pazienti, prima sottoposti ad una stimolazione in cieco per quattro settimane – i soggetti non sapevano se il dispositivo era acceso e spento – e una stimolazione attiva per 24 settimane. In tutto il periodo di osservazione è durato due anni.

Alla conclusione i tassi di remissione e di risposta al trattamento sono stati rispettivamente del 18% e del 41% dopo 24 settimane, del 36% dopo un anno e addirittura del 58% e del 92% a due anni dal trattamento. “La maggior parte di questi pazienti sono in uno stato di depressione da molti anni e sono disabili e isolati”, spiega uno degli autori, Paul Holtzheimer. “Al miglioramento della depressione – continua – deve seguire un processo per la completa integrazione nella società”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!