Colesterolo: linee guida sul tra…

La Mayo Clinic contesta l…

Vitamina D3, cistatina e tumori …

[caption id="attachment_1…

L’indagine: fecondazione eterolo…

Presentati i risultati al…

Medulloblastoma: scoperte le mut…

E’ la neoplasia cerebrale…

Modello "stocasico" di sintesi p…

Nel processo di sintesi d…

Poliomelite: la SIPPS invita a n…

Per la Società Italiana d…

Quinto gusto, e i benefici sulla…

La possibilita' di gustar…

Nuovo approccio per la terapia a…

[caption id="attachment_1…

Sequenze ripetute del genoma: al…

Sequenze ripetute del gen…

Il DNA del merluzzo svela i segr…

Sequenziando il genoma de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: stimolazione cerebrale profonda, metodo sicuro ed efficace.

Uno studio dimostra che la stimolazione cerebrale profonda, una tecnica chirurgica con la quale si impiantano nel cervello degli elettrodi a contatto con l’ipotalamo,  è un metodo sicuro ed efficace per trattare alcune forme di depressione.

La conferma arriva dall’Emory University School of Medicine (Usa) dove Helen S. Mayberge e colleghi hanno sperimentato i risultati della metodica del disturbo depressivo maggiore e nel disturbo bipolare non trattabili con i farmaci.

I disturbi dello spettro bipolare, talvolta indicati come psicosi maniaco-depressiva, sono caratterizzati da periodi di mania o ipomania alternati a episodi di depressione.


La stimolazione cerebrale profonda utilizza impulsi ad alta frequenza mirati in una zona specifica del cervello, quella legata al disturbo neuropsichiatrico da trattare. La ricerca è stata condotta su 17 pazienti, prima sottoposti ad una stimolazione in cieco per quattro settimane – i soggetti non sapevano se il dispositivo era acceso e spento – e una stimolazione attiva per 24 settimane. In tutto il periodo di osservazione è durato due anni.

Alla conclusione i tassi di remissione e di risposta al trattamento sono stati rispettivamente del 18% e del 41% dopo 24 settimane, del 36% dopo un anno e addirittura del 58% e del 92% a due anni dal trattamento. “La maggior parte di questi pazienti sono in uno stato di depressione da molti anni e sono disabili e isolati”, spiega uno degli autori, Paul Holtzheimer. “Al miglioramento della depressione – continua – deve seguire un processo per la completa integrazione nella società”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi