Virus respiratorio: gli animali …

Affetto incondizionato, c…

Dubbi sulla teoria della protein…

[caption id="attachme…

Alzheimer: scoperto il focolaio …

Ricercatori dell'Istituto…

Sclerosi Multipla: in crescita i…

Nel mondo 2,3 milioni di …

Nuove scoperte su una molecola c…

[caption id="attachment_8…

Scoperta la proteina che oppone …

[caption id="attachment_5…

Psoriasi: trattamento combinato …

Un nuovo trattamento comb…

Bullismo infantile: ripercussion…

Gli effetti negativi del …

Le ferite guariscono più natural…

La riparazione delle feri…

Test diagnostici radioattivi: in…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Incidenti domestici: tra le prime cause di morte nei bambini

Stress e scarsa conoscenza sono i principali fattori scatenanti 

Dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) alcuni suggerimenti per ridurne i rischi

Roma, 26 gennaio 2012 – La notizia del bambino di un anno e mezzo morto a Como a causa di una ferita alla gola provocata da una scheggia di vetro, è solo l’ultimo tragico avvenimento che vede coinvolto un bambino nell’ambito delle mura domestiche.

E’ compito primario dei Pediatri – dichiara il Dottor Giuseppe Di Mauro, Presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, a commento della notizia – educare alla prevenzione e alla gestione degli incidenti. Questi infortuni sono quasi sempre una forma di “incuria”, anche se inconsapevole che, come tale, potrebbero essere evitati.

 

Gli incidenti rappresentano la prima causa di morte e di invalidità tra i bambini e gli adolescenti*. Sulla base dei dati diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità, sono circa 3,3 milioni gli incidenti domestici che, ogni anno, mettono in pericolo la salute delle persone e i bambini al di sotto dei 5 anni sono la categoria maggiormente a rischio, insieme a donne ed anziani.* Una vera e propria “epidemia silenziosa” che minaccia i più piccoli e che spesso viene sottovalutatadagli adulti.

 

“A favorire gli incidenti domestici – sottolinea il Dottor Angelo Milazzo, pediatra e componente della Segreteria regionale SIPPS-Sicilia – sono cause di natura prevalentemente “sociale” quali uno status socio-economico-culturale svantaggiato, problemi psichici e comportamentali e un elevato livello di stress all’interno del nucleo familiare.

Per questi motivi, il Dottor Angelo Milazzo ha elaborato una lista degli accorgimenti più comuni per evitare gli incidenti domestici:

 

In camera dei bambini:

  • controllare che le sponde della culla o del lettino siano di altezza sufficientemente elevata per evitare che il bambino possa sporgersi e che la distanza tra le sbarre sia inferiore ad 8 centimetri;
  • evitare che i bambini, quando dormono, indossino catenelle, braccialetti, ciondoli;
  • non lasciare mai solo un bambino su fasciatoio o su una superficie elevata;

 

Nell’area giochi:

  • togliere dalla portata dei bambini, soprattutto di quelli di età inferiore ai 4 anni, oggetti con diametro inferiore ai 4 centimetri: se ingeriti, questi possono finire nell’albero respiratorio, provocando soffocamenti. In particolare, evitare bottoni, spille, biglie, giochi smontabili, parti facilmente staccabili, monete, semi, torsi, noccioline, e altri alimenti che possono andare a finire nelle vie aeree;
  • mettere sempre una coperta a terra;
  • acquistare giocattoli sicuri, certificati dal marchio CE sulle etichette;

 

In bagno:

  • Regolare la temperatura dell’acqua, sempre inferiore ai 50 gradi;
  • non lasciare mai i bambini da soli accanto a vasche da bagno piene d’acqua e controllare costantemente i bambini quando giocano vicino a fontane e lavandini;

In cucina:

  • girare sempre il manico delle pentole verso il muro e utilizzare i fornelli più interni;
  • non lasciare fiammiferi o accendini incustoditi;
  • non lasciare mai soli i bambini in cucina;

In tutti gli spazi domestici:

  • se ci sono scale, fare impiantare cancelletti in cima e in fondo;
  • le finestre e le porte devono avere chiusure di sicurezza interne;
  • le ringhiere dei balconi e dei davanzali debbono essere alte e a componenti stretti;
  • non sistemare vasi, sedie o mobili su cui i bambini potrebbero salire;
  • i sistemi elettrici debbono essere sempre perfettamente a norma, con efficaci impianti salvavita;
  • tenere sempre lontani i bambini dai fili elettrici e da qualunque elettrodomestico collegato alla rete elettrica.

E inoltre:

  • conservare in luoghi inaccessibili ai bambini: medicinali, prodotti per la pulizia della casa, detersivi, insetticidi, o altre sostanze potenzialmente nocive;
  • non scambiare mai i contenitori di questi prodotti, ad esempio travasandoli in bottiglie non appropriate, tipo quelle destinate all’acqua minerale, aranciata, ecc.;
  • prestare attenzione agli oggetti taglienti, tipo forbici, coltelli, lamette, vetri, porcellane..;
  • Evitare il fumo, prima fonte di inquinamento indoors e anch’esso causa di incendi.

 

Infine, è importante tenere sempre a portata di mano i numeri utili in caso di Emergenze: quello del Pediatra di Famiglia, quello del Centro Antiveleni più vicino e, naturalmente, il 118.

*http://www.epicentro.iss.it/temi/incidenti/infanziaOms08.asp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi