Le regioni cerebrali più vecchie…

Una nuova ricerca rafforz…

FITWALKING4HIV, progetto per i p…

[caption id="attachment_9…

Cancro colorettale: ricercatori …

Secondo le nuove scoperte…

Mal di schiena: team di ricercat…

Scoperta una molecola che…

Insufficienza renale: un ace-ini…

Un Ace-inibitore abbassa …

Mutazioni che causano il cancro:…

I meccanismi molecolari c…

Dopo 50 anni la contraccezione d…

[caption id="attachme…

Il gene "miR-96" e la perdita pr…

[caption id="attachment_5…

LA CONSULTA SUL TABAGISMO FESTEG…

Roma - Il 10 gennaio 2005…

Ludopatia, schiavitù dell'azzard…

La prevenzione e la cura …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Apnea notturna e i rischi di ictus silenti

Le persone che soffrono di apnee del sonno gravi possono avere un aumentato rischio di ictus e di piccole lesioni nel cervello.

E’ quanto si afferma in uno studio presentato alla conferenza internazionale ‘Stroke 2012’ dell’American Stroke Association. ”Abbiamo trovato una frequenza sorprendentemente alta di apnea del sonno nei pazienti con ictus che ne sottolinea la rilevanza clinica come fattore di rischio”, ha detto Jessica Kepplinger, autrice principale dello studio e docente dell’Universita’ di Tecnologia di Dresda in Germania.

”L’apnea notturna – ha continuato – e’ un disturbo ampiamente riconosciuto ma ancora trascurato. I pazienti che ne soffrono hanno piu’ probabilita’ di avere un ictus silenzioso”. I ricercatori hanno scoperto che il 91 per cento (51 su 56) dei pazienti (media di eta’ analizzata 67 anni), che avevano avuto un ictus durante l’apnea del sonno, avevano anche una maggiore probabilita’ di subire un ictus silente. Piu’ di cinque episodi di apnea durante il sonno per notte e’ un numero da associare a un rischio maggiore di ictus silente. Piu’ del 50 per cento dei pazienti con ictus silente avevano anche l’apnea del sonno. Anche se gli uomini avevano una maggiore probabilita’ di subire un ictus silente, la correlazione tra apnea notturna e ictus e’ rimasta la stessa anche dopo una rivalutazione dei dati dalla prospettiva delle differenze di genere. I ricercatori hanno suggerito che l’apnea del sonno dovrebbe essere trattata alla stregua di altri fattori di rischio vascolari come ipertensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: