trattamento del linfoma ALK-posi…

Università di Milano-Bico…

Cancro al seno: la notizia buona…

Il tumore del seno fa…

Sclerosi Multipla: in crescita i…

Nel mondo 2,3 milioni di …

Trigliceridi alti: predisposizio…

[caption id="attachment_8…

Dieta mediterranea: più di ogni …

Olio d'oliva e noci sono …

Antidepressivi in gravidanza: no…

Gli antidepressivi in gra…

Tumore ovarico: meno decessi con…

Lo svela uno studio itali…

Malattie respiratorie: gli antib…

La ricerca di un team int…

Cellule staminali per riparare l…

Approvato il primo farmac…

Il fruttosio e le contraddizioni…

Gli alimenti edulcorati c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Apnea notturna e i rischi di ictus silenti

Le persone che soffrono di apnee del sonno gravi possono avere un aumentato rischio di ictus e di piccole lesioni nel cervello.

E’ quanto si afferma in uno studio presentato alla conferenza internazionale ‘Stroke 2012’ dell’American Stroke Association. ”Abbiamo trovato una frequenza sorprendentemente alta di apnea del sonno nei pazienti con ictus che ne sottolinea la rilevanza clinica come fattore di rischio”, ha detto Jessica Kepplinger, autrice principale dello studio e docente dell’Universita’ di Tecnologia di Dresda in Germania.

”L’apnea notturna – ha continuato – e’ un disturbo ampiamente riconosciuto ma ancora trascurato. I pazienti che ne soffrono hanno piu’ probabilita’ di avere un ictus silenzioso”. I ricercatori hanno scoperto che il 91 per cento (51 su 56) dei pazienti (media di eta’ analizzata 67 anni), che avevano avuto un ictus durante l’apnea del sonno, avevano anche una maggiore probabilita’ di subire un ictus silente. Piu’ di cinque episodi di apnea durante il sonno per notte e’ un numero da associare a un rischio maggiore di ictus silente. Piu’ del 50 per cento dei pazienti con ictus silente avevano anche l’apnea del sonno. Anche se gli uomini avevano una maggiore probabilita’ di subire un ictus silente, la correlazione tra apnea notturna e ictus e’ rimasta la stessa anche dopo una rivalutazione dei dati dalla prospettiva delle differenze di genere. I ricercatori hanno suggerito che l’apnea del sonno dovrebbe essere trattata alla stregua di altri fattori di rischio vascolari come ipertensione.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!