Infarto: abbassare la temperatur…

[caption id="attachment_8…

A Trescore Cremasco una giornata…

Venerdì 13 maggio, a Tres…

Sindrome da stanchezza cronica: …

La sindrome da stanchezz…

Chemioterapia: recente studio mo…

Alcuni ricercatori finanz…

I flavonoidi sono alleati del cu…

La ricerca scientifica su…

Tumori: scoperto un gene chiave …

Un gruppo di scienziati a…

Beta-talassemia: la terapia gen…

[caption id="attachment_8…

Scienziati scoprono meccanismo d…

Scienziati provenienti da…

Scienza boccia critiche a cure a…

I Medici chiedono un conf…

Tabagismo: l'esito delle terapie…

Presto sara' forse possib…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Chemioterapia: aumenta l’efficacia se preceduta da un controllato digiuno

Interrompere il rifornimento di “viveri” alle cellule tumorali per renderle più vulnerabili ai farmaci anticancro e proteggere le cellule sane.

Una nuova conferma all’efficacia della restrizione calorica come mezzo per potenziare la chemioterapia arriva da uno studio condotto in laboratorio da Valter Longo, scienziato italiano dell’Università della California, in collaborazione con il Laboratorio di Oncologia dell’Istituto Giannina Gaslini di Genova, diretto da Vito Pistoia. Basterebbero da 2 a 4 giorni per incrementare l’effetto dei farmaci anche di 20 volte, secondo la sperimentazione condotta sugli animali.

Il meccanismo con cui ridurre il numero di calorie a disposizione dell’organismo agisce sulla proliferazione delle cellule tumorali è noto. L’introduzione nel metabolismo cellulare di più risorse “alimentari” spinge le cellule maligne a uno sviluppo maggiore e disordinato. Le cellule “sane”, private di calorie, entrano invece in una fase di “sonno” biologico e, cosa più importante, attivano un interruttore di protezione, che può proteggerle dall’azione dei chemioterapici. Nel modello di neuroblastoma, un temibile tumore pediatrico, le cellule tumorali si sono dimostrate maggiormente indifese.

Lo studio su modelli animali ha evidenziato che bastano 48 ore di restrizione calorica perché i farmaci antitumorali siano più efficaci. Per raggiungere questa condizione non è necessario un digiuno così lungo, poiché è possibile azzerare con l’impiego di strategie molecolari il peso delle calorie introdotte con pasti leggeri.
(Salute 24)

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x