Scoperto l'interruttore che "acc…

Studio su Nature di un gr…

AboutPharma Digital Awards 2014:…

Assegnati ieri sera gli A…

Le origini del bene e del male -…

[caption id="attachment_5…

Nefropatia diabetica: un gene in…

Silenziando o inibendo l’…

Identificata la nicchia delle ce…

[caption id="attachme…

Il sole è pericolo per chi ha ta…

Spesso sottovalutato, il …

Eczema: la Germania trova la cur…

[caption id="attachment_9…

Tumori della mammella: un gene c…

La capacita' genetica di …

Forme di tumore al fegato posson…

Un nuovo test permette…

Telethon al S. Raffaele, scopre …

La scoperta, realizza…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Chemioterapia: aumenta l’efficacia se preceduta da un controllato digiuno

Interrompere il rifornimento di “viveri” alle cellule tumorali per renderle più vulnerabili ai farmaci anticancro e proteggere le cellule sane.

Una nuova conferma all’efficacia della restrizione calorica come mezzo per potenziare la chemioterapia arriva da uno studio condotto in laboratorio da Valter Longo, scienziato italiano dell’Università della California, in collaborazione con il Laboratorio di Oncologia dell’Istituto Giannina Gaslini di Genova, diretto da Vito Pistoia. Basterebbero da 2 a 4 giorni per incrementare l’effetto dei farmaci anche di 20 volte, secondo la sperimentazione condotta sugli animali.

Il meccanismo con cui ridurre il numero di calorie a disposizione dell’organismo agisce sulla proliferazione delle cellule tumorali è noto. L’introduzione nel metabolismo cellulare di più risorse “alimentari” spinge le cellule maligne a uno sviluppo maggiore e disordinato. Le cellule “sane”, private di calorie, entrano invece in una fase di “sonno” biologico e, cosa più importante, attivano un interruttore di protezione, che può proteggerle dall’azione dei chemioterapici. Nel modello di neuroblastoma, un temibile tumore pediatrico, le cellule tumorali si sono dimostrate maggiormente indifese.

Lo studio su modelli animali ha evidenziato che bastano 48 ore di restrizione calorica perché i farmaci antitumorali siano più efficaci. Per raggiungere questa condizione non è necessario un digiuno così lungo, poiché è possibile azzerare con l’impiego di strategie molecolari il peso delle calorie introdotte con pasti leggeri.
(Salute 24)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi