Cancro al pancreas: possibile nu…

[caption id="attachment_6…

Sinusite: nuovo metodo di diagno…

Un nuovo metodo di diagno…

La mappa del genoma umano e i su…

[caption id="attachment_6…

Bambini e corretto utilizzo degl…

Presentati i risultat…

Glucosamina per la longevità

Una sostanza estratta dal…

Nuovo farmaco contro gli attacch…

Scienziati trovano il mod…

Persone con diabete, ecco quali …

AMD ha misurato con un ap…

"Homo tecnologicus" nello svilup…

Nell'evoluzione delle gra…

Al Tatarella di Cerignola innova…

L’urologia del Tatarella …

Rivaroxaban di Bayer ha ridotto …

Presentati al Congresso E…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ictus: negli agrumi un aiuto alla prevenzione

Le donne che mangiano regolarmente agrumi come arance e pompelmi hanno un minor rischio di incorrere in ictus. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Stroke: Journal of the American Heart Association.

Un team della Norwich Medical School – University of East Anglia ha esaminato, nel corso di 14 anni, una popolazione di 69.622 donne, le quali hanno puntualmente risposto a questionari circa le proprie abitudini alimentari. L’obiettivo era quello di studiare gli effetti sulla salute dei flavonoidi, una classe di composti presenti in frutta, verdura, cioccolato fondente e vino rosso.

Mentre il consumo complessivo di flavonoidi presenti in tutti i principali cibi della dieta tipica degli Stati Uniti non ha mostrato un gran beneficio nel prevenire l’ictus, il consumo specifico di arance e pompelmi e dei loro derivati da parte delle pazienti ha invece mostrato un vantaggio, implicando una diminuzione del rischio di ictus inferiore del 19 per cento rispetto alle altre. “Gli studi hanno dimostrato che la frutta e la verdura, e in particolare gli alimenti che contengono la vitamina C, determinano una riduzione del rischio di ictus”, ha detto Aedin Cassidy, autore principale dello studio. “E’ noto che i flavonoidi favoriscono il funzionamento dei vasi sanguigni e un effetto anti-infiammatorio”, ha proseguito il ricercatore americano. I ricercatori hanno quindi esortato le donne sottoposte a controllo a consumare arance e pompelmi, piuttosto che i succhi di frutta da esse derivati, per evitare l’alto contenuto di zucchero contenuto negli additivi delle bevande. Precedenti ricerche hanno inoltre suggerito che i flavonoidi presenti negli agrumi possono aiutare a prevenire l’aumento di peso e la sindrome metabolica responsabile del diabete di tipo 2, nonche’ di una maggiore esposizione al rischio di malattie cardiache.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!