Sclerosi Multipla: attesi i risu…

La ricerca sulla sclerosi…

Diabete: arriva l'ormone insulin…

Insulina in polvere da …

Dolore oncologico: serve piu' in…

Presentata un’indagine Do…

La sensibilita' al dolce grazie …

[caption id="attachment_7…

Caffe': ottimo alleato del fegat…

[caption id="attachment…

Elisir di lunga vita? Alimentazi…

Nessun ingrediente miraco…

La risposta dell'insulina e la s…

Vivere contro l'orologio …

una nuova emergenza pediatrica: …

Caserta, 15 settembre 201…

Gli italiani non amano le aziend…

La prima indagine sulla r…

Con una nuova tecnica per arriva…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Intelligenza e geni correlati: tutto da riscrivere

Per decenni si e’ pensato che i livelli di intelligenza fossero determinati da un singolo gene ma un nuovo studio dell’universita’ di Harvard dimostra che la maggior parte dei geni che da tempo sono considerati correlati al quoziente intellettivo in realta’ non lo sono affatto.

Il team di ricercatori ha esaminato una dozzina di geni in relazione ad un corposo insiemi di dati raccolti da test di intelligenza e analisi genetiche. Come riportato in un articolo pubblicato sulla rivista Psychological Science, gli studiosi hanno scoperto che, in quasi tutti i casi, l’intelligenza non risulta collegata a geni specifici. “E’ solo negli ultimi 10 o 15 anni che si promuovono studi che scelgono ad hoc una particolare variante genetica provando a collegarla all’intelligenza”, ha detto Christopher Chabris docente di Psicologia e coautore dello studio “ma in tutti i nostri test abbiamo trovato solo un gene che sembra essere associato al quoziente, comunque responsabile di un effetto molto piccolo.

Questo non significa che l’intelligenza non abbia una componente genetica, anzi, ma vuol dire che e’ molto piu’ complesso di quanto pensato sinora trovare i geni o le varianti effettivamente coinvolte nello sviluppo delle differenze intellettive”. Lo studio ha analizzato una ampia quantita’ di elementi, dati raccolti dal 1950 ad oggi affiancati ad un’indagine sui gemelli in corso in Svezia. “La nostra ricerca ha sottolineato come l’approccio ‘gene candidato’, che richiedeva l’identificazione a priori di un gene collegabile allo sviluppo dell’intelligenza, sia sbagliato, in quanto e’ molto piu’ probabile che il quoziente sia conseguenza di una molteplice interazione genetica”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi