Donne e tumori: sempre più casi …

Circa 87.000 nuove diagno…

Staminali neuronali: più facile …

Se si utilizzano struttur…

Tecnologia e diabete: la rispost…

Nelle migliori farmacie i…

Scoperto enzima in grado di inib…

Sopprimere la crescita di…

E' nato il primo bambino italian…

UNA REALE CONCRETA POSS…

Citomegalovirus: metodo per elim…

Alcuni studiosi della…

Piccolo frammento di RNA per 'ca…

Un gruppo di ricercatori …

Cannabis terapeutica: renderla l…

[caption id="attachme…

Nausee in gravidanza: la soluzio…

E' uno dei fastidi piu' …

Un rivestimento per attrezzature…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Intelligenza e geni correlati: tutto da riscrivere

Per decenni si e’ pensato che i livelli di intelligenza fossero determinati da un singolo gene ma un nuovo studio dell’universita’ di Harvard dimostra che la maggior parte dei geni che da tempo sono considerati correlati al quoziente intellettivo in realta’ non lo sono affatto.

Il team di ricercatori ha esaminato una dozzina di geni in relazione ad un corposo insiemi di dati raccolti da test di intelligenza e analisi genetiche. Come riportato in un articolo pubblicato sulla rivista Psychological Science, gli studiosi hanno scoperto che, in quasi tutti i casi, l’intelligenza non risulta collegata a geni specifici. “E’ solo negli ultimi 10 o 15 anni che si promuovono studi che scelgono ad hoc una particolare variante genetica provando a collegarla all’intelligenza”, ha detto Christopher Chabris docente di Psicologia e coautore dello studio “ma in tutti i nostri test abbiamo trovato solo un gene che sembra essere associato al quoziente, comunque responsabile di un effetto molto piccolo.

Questo non significa che l’intelligenza non abbia una componente genetica, anzi, ma vuol dire che e’ molto piu’ complesso di quanto pensato sinora trovare i geni o le varianti effettivamente coinvolte nello sviluppo delle differenze intellettive”. Lo studio ha analizzato una ampia quantita’ di elementi, dati raccolti dal 1950 ad oggi affiancati ad un’indagine sui gemelli in corso in Svezia. “La nostra ricerca ha sottolineato come l’approccio ‘gene candidato’, che richiedeva l’identificazione a priori di un gene collegabile allo sviluppo dell’intelligenza, sia sbagliato, in quanto e’ molto piu’ probabile che il quoziente sia conseguenza di una molteplice interazione genetica”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!