Transistor biologico basato su D…

Usando solo molecole di…

Il cuore in forma per la salute …

[caption id="attachment_…

Osservato l'RNA che attraversa i…

[caption id="attachment_9…

Virus HIV: tracciate le mutazion…

[caption id="attachme…

Dall’FDA una lezione di concrete…

La normativa statunitense…

La vera pandemia del secolo è il…

[caption id="attachme…

Tumore del colon retto: è diffic…

E' la forma di cancro più…

La memoria spaziale di una muffa…

Una muffa unicellulare, P…

Un Team Multidisciplinare Di Spe…

E’ quanto emerge nel cors…

Linagliptin approvato in Europa …

 Linagliptin è l’unico tr…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trapianto di fegato: un modello matematico per stabilirne la necessità e salvare vite umane

Ricercatori dell’universita’ dello Utah hanno sviluppato un insieme di equazioni di calcolo che aiuta a comprendere se e in quali quantita’ i pazienti assumono il paracetamolo come antidolorifico e valutare se e’ necessario un trapianto di fegato per sopravvivere.

“E’ un’importante opportunita’ per usare i metodi matematici per migliorare la pratica medica e salvare vite umane”, ha spiegato Fred Adler, docente di Matematica e Biologia e coautore dello studio che ha sviluppato e testato il nuovo metodo. Lo studio e’ pubblicato su Hepatology, rivista specifica per le malattie e la funzionalita’ del fegato. Adler e il suo team hanno dimostrato che attraverso l’utilizzo dei risultati di soli quattro comuni esami di laboratorio medico – noti come AST, ALT, INR e creatinina – l’equazione e’ in grado di prevedere con precisione e in modo rapido quali pazienti soggetti a overdose di antidolorifico sopravvivranno con i soli trattamenti medici e quali avranno necessariamente bisogno di un trapianto di fegato per sopravvivere.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 53 pazienti ricoverati per abuso di paracetamolo all’ospedale dell’universita’ dello Utah University Hospital per testare l’equazione. L’apporto essenziale della rivoluzionaria formula e’ la velocita’ di diagnosi, importante nei pazienti con grave insufficienza epatica. E permette ai medici di superare rapidamente l’incertezza sul tipo di trattamento immediato da adottare a seconda se si possa optare per una terapia da avvelenamento da paracetamolo o per il trapianto da insufficienza epatica. Lo studio proseguira’ sui pazienti dei tre ospedali dell’Universita’ di Houston per confermare ulteriormente la validita’ del metodo-equazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi