L'appendice ha un ruolo adesso b…

È riserva dei batteri buo…

NGF: in pazienti pediatrici con …

La somministrazione di un…

Dolore cronico: negli ospedali i…

Secondo 1 specialista su …

Come l'apparato del Golgi viene …

[caption id="attachment_2…

Polipi colon: prevenzione con fi…

[caption id="attachment_2…

Atrofia muscolare spinale: ident…

Identificato un biomarca…

Stato ipnotico: scienziati getta…

Esiste davvero uno stato …

Tè freddo, dissetante ed estivo,…

Fresco, dissetante, un pi…

Gardasil®: il Comitato Europeo p…

I dati di immunogenicità …

Cannabis: fame "chimica" legata …

Un gruppo di scienziati d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Neo benigno o no, un test dall’USA per una diagnosi senza errori. La descrizione

Valuta l’espressione di una molecola espressa nel nucleo di cellule maligne, migliorando l’attendibilità della diagnosi
Un neo sospetto.

E iniziano gli esami: la biopsia, i test per valutare se le cellule sono benigne o maligne. Test non sempre univoci nei risultati, tanto che gli stessi specialisti ammettono la possibilità di sotto e sovradiagnosi dei melanomi. Da qui la necessità di esami più precisi, che non lascino spazio a dubbi. Uno di questi potrebbe essere, in un prossimo futuro, la valutazione dell’espressione della adenilil-ciclasi solubile, una molecola che è tipicamente espressa nel nucleo di cellule maligne e assente da quelle benigne. Uno studio sulla fattibilità del test è stato pubblicato dai suoi ideatori sugli Archives of Dermatology.
ADENILIL-CICLASI – La maggioranza dei test attualmente disponibili per la valutazione di una biopsia utilizza sostanze che marcano le cellule tumorali: più è intensa la marcatura, maggiore è la probabilità che si tratti di un melanoma. «Questo significa che il patologo deve interpretare il dato: dal suo giudizio sulla minore o maggiore intensità della marcatura deriverà la diagnosi – osserva il coordinatore dello studio sul nuovo test, Jonathan Zippin del Weill Cornell Medical College di New York –.

Di fatto quindi la diagnosi si basa su un’opinione del patologo: c’è perciò un margine d’incertezza assai negativo, perché nessun medico vuole mancare una diagnosi di melanoma, ma neppure comunicare a qualcuno che è malato di una patologia così grave quando non fosse così». Con la marcatura della adenilil-ciclasi solubile sembra possibile arrivare a un maggior grado di certezza: le cellule positive sono maligne, le negative no. Risultato esplicito e a prova di dubbio, quindi.

ANTICORPO – Il marcatore usato nei test è un anticorpo monoclonale diretto contro l’adenilil-ciclasi, enzima che risponde alle variazioni di pH o del metabolismo cellulare regolando l’espressione genica e la crescita cellulare. «Si tratta di una molecola espressa in tutti i tessuti dell’organismo, correlata a processi coinvolti nello sviluppo dei tumori – osserva Zippin –. Questo significa che “marcare” questo enzima potrebbe rivelarsi utile anche per riconoscere altri tipi di tumore». Per il momento i ricercatori ne hanno dimostrata la validità sui melanomi, suggerendo che il test diagnostico per l’adenilil-ciclasi potrebbe affiancarsi agli altri attualmente disponibili per la valutazione di campioni bioptici: Zippin ha richiesto alla Food and Drug Administration la registrazione del nuovo test, che dovrebbe arrivare in clinica dopo essere stato sottoposto a ulteriori verifiche di efficacia e fattibilità. Secondo il ricercatore l’esame potrebbe infatti aiutare a dirimere casi dubbi. «Non solo, il test dell’adenilil-ciclasi riesce a determinare con sicurezza i margini del tumore, riconoscendo con chiarezza le cellule benigne dalle maligne. Questo potrà rivelarsi di estrema utilità quando si deve eliminare un tumore in un’area esposta e si vuole essere più conservativi possibile» conclude Zippin.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!